A- A+
Cronache
Incidente Frecce Tricolori, avviso di garanzia al pilota: "Atto dovuto"

Oscar Del Dò

Frecce tricolori, il pilota dell’incidente indagato per "atto dovuto" 

La Procura di Ivrea ha notificato un avviso di garanzia al Maggiore Oscar Del Do', il pilota dell'aereo coinvolto nell'incidente che ha portato alla morte di Laura, una bambina di 5 anni.

I magistrati ipotizzano i reati di disastro e omicidio colposo. L'avviso di garanzia  è stato emesso per consentire l'avvio di indagini tecniche fondamentali, considerate irripetibili, volte a fare luce sulle circostanze che hanno portato allo schianto dell'aereo delle Frecce Tricolori subito dopo il decollo dall'aeroporto di Torino Caselle. Al momento, le autorità non hanno rilasciato ulteriori dettagli sulle indagini in corso, ma è stato confermato che tali accertamenti tecnici mirano a stabilire le cause precise dello schianto e a determinare eventuali responsabilità.

LEGGI ANCHE: Frecce Tricolori, colpa degli uccelli. Da sinistra: "Basta, vanno abolite"

Anche se da confermare, la tragedia avvenuta nel Torinese ha sollevato nuovamente un problema, noto come "bird strike", ovvero la collisione tra un aereo e uno o più uccelli. L'ipotesi che il bird strike possa essere la causa dell'incidente aereo è una delle più plausibili attualmente in considerazione. Tuttavia, la Procura di Ivrea sta lavorando in stretta collaborazione con esperti dell'aviazione civile e militare per garantire una completa analisi degli eventi che hanno portato alla tragedia.

Al pilota Oscar Del Do è stato affidato un avvocato d'ufficio, e sempre secondo quanto si apprende, è possibile che la difesa del militare sarà assunta da un legale dell'Avvocatura dello Stato. Il pilota delle Frecce Tricolori coinvolto nell'incidente, ha finora ricevuto un forte sostegno dalla sua comunità e dai colleghi, ma ora affronterà un periodo di incertezza. 

Paolo Origliasso, il padre della piccola Laura, tragicamente scomparsa nell'incidente, è tormentato dai sensi di colpa. "Non sono riuscito a separarla, ho tentato di sganciare il seggiolino, ma non ci sono riuscito. Ho fatto del mio meglio fino all'ultimo istante", spiega l'uomo. "Dove ho fallito? Cosa avrei potuto fare in modo diverso per salvare mia figlia?", si interroga Paolo, che è stato dimesso ieri dall'ospedale, mentre suo figlio di 12 anni è ancora in cura per le ustioni riportate nell'incidente.

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Mercedes EQE SUV: innovazione e versatilità nel segmento elettrico

Mercedes EQE SUV: innovazione e versatilità nel segmento elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.