A- A+
Cronache
Messina Denaro, sorella condannata a 14 anni: aiutò il boss nella latitanza
Messina Denaro - Rosalia Messina Denaro

Rosalia Messina Denaro, sorella del boss di Cosa Nostra "Matteo", è stata condannata a 14 anni per associazione mafiosa aggravata e ricettazione

Rosalia Messina Denaro è stata condannata a 14 anni di carcere per associazione mafiosa aggravata e ricettazione. Lo ha stabilito la gup di Palermo Clelia Maltese, riducendo di 6 anni la richiesta dell'accusa (sostenuta dai pm Giancluca De Leo e Piero Padova nel processo col rito abbreviato) a 20 anni di reclusione per la sorella del boss mafioso Matteo Messina Denaro, arrestato il 16 gennaio scorso dopo una latitanza di 30 anni e morto nel settembre scorso per un male incurabile. La donna era stata arrestata il 23 marzo 2023, poche settimane dopo il blitz in cui il fratello fu sorpreso e arrestato dal Ros. In carcere, però, Matteo Messina Denaro, c'è stato poco: la maggior parte del suo periodo detentivo lo ha trascorso alla clinica La Maddalena di Palermo, in cura per il tumore. 

LEGGI ANCHE: Messina Denaro, trovato il bottino. Sequestrati ben 250 milioni di euro

La sorella Rosalia era la spalla del fratello. Viene addirittura definita come il suo "alter ego": lei è la custode di tutti i segreti del boss, l'unica a cui ha confidato della malattia. Pare che fosse lei a tenere la cassa della cosca, così come i contatti con gli uomini del fratello. Ovviamente, ha anche agevolato Matteo Messina Denaro durante i suoi anni da latitante. Ma suo fratello non è l'unico della famiglia implicato nelle organizzazioni mafiose: il marito di Rosalia, Filippo Guttadauro, ha scontato 14 anni per associazione mafiosa ed è tuttora in carcere al cosiddetto "ergastolo bianco". Il suo secondo figlio, Francesco, sta scontando una condanna a 16 anni sempre per associazione mafiosa. Così come è in carcere, e condannata a 14 anni, anche l'altra sorella del bosso, Patrizia.

LEGGI ANCHE: Messina Denaro, chiesti 15 anni per l'amante. Prestanome condannato a 14 anni

Da quanto emerge dalle indagini, però, sarebbe proprio Rosalia la "causa" dell'arresto del fratello. Il Ros, infatti, ha trovato proprio in casa della donna quei famosi appunti che hanno incastrato Matteo Messina Denaro e che hanno rivelato al mondo la sua grave condizione clinica. Il "pizzino" era nascosto nella gamba metallica di una sedia. Un “errore” che è costato la libertà al fratello, finito in manette il 16 gennaio 2023, ma anche alla donna stessa, arrestata qualche mese dopo, in marzo. Era accusata di associazione mafiosa e ricettazione, reati aggravati dall'agevolazione di Cosa Nostra, mafia a cui appartenava Matteo Messina Denaro, boss di Castelvetrano (Trapani). I giudici del Tribunale del Riesame aveva descritto Rosalia come "una personalità negativa e allarmante", mentre il gip che convalidò il suo arresto definì la sua condizione come "una stretta, protratta e variegata compenetrazione della donna con Cosa Nostra" e il suo contributo come "radicato e stabilmente offerto all'interno dell'associazione in più ambiti, come il coordinamento del sistema di trasmissione delle comunicazioni in modo continuativo e fiduciario".

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.