A- A+
Cronache
Orlandi, la proposta di FdI per limitare i tempi della commissione d'inchiesta

Caso Emanuela Orlandi, la strana storia della cassetta audio

La vicenda di Emanuela Orlandi è molto complessa e non ci sono fatti nuovi quanto piuttosto una riedizione di fatti vecchi tendenti a rafforzare specifiche interpretazioni. Le piste seguite sono sostanzialmente due: quella della pedofilia in Vaticano e quella politica, legata all’attentato al Papa Giovanni Paolo II.

Come è noto il fratello Pietro Orlandi propende più per la pista pedofila e quindi tutto verte su una cassetta audio la cui storia è vecchissima ma riemerge puntualmente, anche grazie a “Chi l’ha visto” che ne ha tenuta viva la memoria nel tempo e anche recentemente l’ha riproposta. La Orlandi, ricordiamolo, è una cittadina vaticana scomparsa a 15 anni, il 22 giugno del 1983 a Roma. Il 17 luglio fu fatta ritrovare vicino al Quirinale, con una telefonata anonima, una cassetta audio al padre Ercole Orlandi e allo zio di Emanuela facendo sapere che già una prima era stata lasciata in Vaticano ma era stata prelevata dai funzionari pontifici. La cassetta è invero particolare.

LEGGI ANCHE: Orlandi, giallo dell'audiocassetta: “La ragazza ansima e chiede aiuto". Video

Quella più nota contiene una sequenza di qualche minuto in cui si sente una ragazza lamentarsi ed ansimare. L’ipotesi che è stata fatta è che si tratti di spezzoni di film porno montati ad arte per depistare, ma non tutti sono d’accordo e potrebbe essere anche vera. Esistono tre trascrizioni del parlato di diversa lunghezza corrispondente alle diverse versioni: in una prima c’è un accento turco, nel secondo solo italiano e in una terza non ci sono più le tre voci maschili.

C’è da dire che l’audio è molto disturbato, ma le moderne tecniche hanno permesso di renderlo molto più chiaro dell’originale. A suo tempo la cassetta fu fatta sentire dalla Digos al padre che riconobbe la voce della figlia. Qualche giorno dopo i funzionari gli telefonarono dicendo che tutto era risolto e si trattava di spezzoni di un film porno. Il padre si tranquillizzò. Nel 2016 il fratello comincia a cercarla in procura tuttavia non trova l’originale ma solo cd di varie lunghezze e in una ci sono solo le voci femminili più pulite. C’è una frase finale che è chiarissima: “mi lasci dormire” in cui il fratello ribadisce di riconoscere la voce della sorella. Il fratello poi ha trovato documenti del Sismi che riportano invece la conclusione opposta e cioè che con altissima probabilità la voce sia quella della ragazza scomparsa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
commissioneinchiestaorlandi emanuelatempi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."





motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.