A- A+
Cronache
Salute, Nas: scoperti 165 sanitari "irregolari" in ospedali e Rsa

Salute, scoperti e denunciati dai Carabinieri dei Nas 165 sanitari “irregolari” in ospedali e Rsa di tutta Italia

È allarme in diverse strutture sanitarie e socio-assistenziali pubbliche e private su tutto il territorio nazionale, dove sono stati scoperti e segnalati 165 sanitari irregolari in ospedali e Rsa da parte Carabinieri dei Nas. I servizi di controllo, d'intesa con il Ministero della Salute, erano stati attivati dalla metà del mese di novembre, e hanno condotto a un esito non rincuorante.

È emerso, infatti, che numerose struttureper sopperire alla carenza di personale e garantire l'erogazione minima dei servizi di cura ed assistenza, ricorrono sempre più spesso a contratti di appalto per avvalersi di professionalità sanitarie forniti da società esterne, solitamente riconducibili a cooperative, non sempre in regola. I militari hanno effettuato 1.934 accessi a strutture sanitarie, monitorando 637 imprese/cooperative private e verificando l'idoneità di oltre 11.600 figure tra medici (13%), infermieri (25%) e altre professioni sanitarie (62%) (operatori socioassistenziali, tecnici di laboratorio e figure similari).

Sono quindi emersi diversi casi di esercizio abusivo della professione (43 operatori), in particolare riguardanti lo svolgimento di attività infermieristiche in assenza di iscrizione all'albo e senza il riconoscimento dei titoli acquisiti all'estero, frequentemente favorite dalla mancanza di verifica preliminare da parte dei responsabili delle cooperative. Numerose, inoltre, le violazioni evidenziate dai Nas circa l'impiego di figure sanitarie esterne, collocate in attività lavorativa senza l'adeguata formazione sulla tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro; sono state accertate e contestate anche violazioni per carenze autorizzative, funzionali e strutturali che hanno determinato, nei casi più gravi, la chiusura di 5 strutture socio-sanitarie.

Nas: scoperti sanitari irregolari, ma anche titolari di cooperative e  strutture ospedaliere e Rsa

Ma non sono gli unici dati significativi, purtroppo: i Nas hanno infatti segnalato complessivamente 205 persone, tra responsabili di cooperative, titolari di strutture sanitarie ed operatori sanitari, di cui 83 all'autorità giudiziaria e 122 a quella amministrativa. In particolare, sono stati deferiti 8 titolari di cooperative per l'ipotesi di reato di frode ed inadempimento nelle pubbliche forniture ritenuti responsabili di aver inviato personale in attività di assistenza ausiliaria presso ospedali pubblici, in numero inferiore rispetto a quello previsto dalle condizioni contrattuali con l'Azienda sanitaria. O hanno impiegato semplice personale ausiliario, privo del prescritto titolo abilitativo, anzichè figure professionali socio-sanitarie (o.s.s.) e, infine, personale medico non specializzato per l'incarico da ricoprire.

Durante le ispezioni i Carabinieri hanno riscontrato la fornitura di medici da parte di cooperative con età anagrafica superiore a quella stabilita contrattualmente - anche sopra i 70 anni - e l'impiego esternalizzato di risorse umane non adatto a esigenze di specifici reparti ospedalieri, come la fornitura presso reparti di "ostetricia e ginecologia" di personale sanitario, tra cui medici generici, non formato a gestire parti cesarei o, ancora, personale medico da impiegare presso il pronto soccorso non specializzato in "medicina di urgenza".  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
irregolarinasospedalirsasalutesanitari
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...

Sport

Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...


in vetrina
McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA

McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA





motori
BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.