A- A+
Cronache
Ucraina, Rete disarmo: appello alla neutralità a Italia e Ue

Ucraina, Rete disarmo: appello alla neutralità di Europa e Italia. "Essere alleati della Nato non significa esserne un protettorato"

Francesco Vignarca, coordinatore delle campagne della Rete Italiana Pace e Disarmo e cofondatore dell'Osservatorio sulle spese militari italiane Mil€x, intervistato da Fanpage, sulla "guerra alle porte dell'Europa" ha dichiarato: "La partecipazione dell'Italia alle guerre in Afghanistan, Iraq e Libia che cosa ci ha insegnato? Cosa avrebbe dovuto insegnarci, semmai… Continuiamo a commettere lo stesso errore, quello di affidarci a soluzioni militari per risolvere crisi di altra natura. La guerra non ha funzionato in Afghanistan, tornato dopo 20 anni in mano ai talebani. Non ha funzionato neppure in Iraq, per non parlare poi della Libia. Noi proponiamo di risolvere le crisi partendo dalle esigenze delle popolazioni civili, nessuna delle quali vuole ritrovarsi in guerra, né piangere morti e mutilati, vivendo nella fame e nella povertà".

L'intervento militare in Afghanistan, ad esempio, venne presentato come una "vendetta" dopo l'attentato alle Torri Gemelle, l'assenza di un pretesto retorico da fornire all’opinione pubblica potrebbe stavolta scongiurare la guerra tra Russia e Ucraina?

Vignarca risponde: "È quello che tutti noi ci auguriamo. Dopo di che siamo ben consapevoli che ci sono dei problemi reali e che le politiche di Putin hanno rappresentato negli ultimi mesi una costante minaccia, ma ci domandiamo anche cosa sia stato fatto in questi anni: ricordo, tanto per fare un esempio, che nell'agosto del 2019 Trump ha stracciato il trattato Inf (Intermediate-range nuclear forces), firmato nel 1987 tra USA e URSS per mettere al bando i missili con un raggio tra i 500 e i 5.500 chilometri".

"Da tempo segnaliamo che l'Europa rischia di diventare un campo di battaglia e per questo abbiamo proposto, insieme a 60 premi Nobel, che vengano ridotte le spese militari, soprattutto in armi nucleari, investendo quelle risorse nella lotta al cambiamento climatico. Non siamo mai stati ascoltati e ora siamo nel cuore di un'emergenza che, tra l'altro, potrebbe avere ripercussioni anche sul tema energetico e sull'approvvigionamento di cibo, visto che l'Ucraina ha le più estese coltivazioni di grano al mondo".

"Essere alleati della Nato non può significare esserne un protettorato. Abbiamo chiesto che l'Italia e l'Europa abbiano un ruolo di "neutralità attiva". Sono le parole di Vignarca in risposta al quesito del giornalista, su quali siano le richieste che la Rete avanza al governo.

 

LEGGI ANCHE:

Liliana Resinovich, "uccisa per 50 mila euro, voleva aiutare il marito"

Morte David Rossi, "Mamma, dopo il lavoro vengo a mangiare da te. Era sereno"

La moglie dell'ambasciatore Attanasio ricorda: "Dovevo essere lì con Luca"

 

Commenti
    Tags:
    europaitaliaucraina
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid





    motori
    Opel Grandland 2024, rivoluziona il concetto di SUV

    Opel Grandland 2024, rivoluziona il concetto di SUV

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.