A- A+
Culture
Riparte la tournée di Giuseppe Giacobazzi ed è subito sold out

Sold out in tutti i teatri d'Italia per il ritorno di Giuseppe Giacobazzi sul palco. Ancora molte le date attese

Anche gli artisti più grandi, quelli abituati al tutto esaurito e alle tournée sfiancanti, quando salgono sul palco dopo un lungo periodo di pausa si emozionano. Giuseppe Giacobazzi è proprio uno di questi artisti, così nel tour 2022 che riporta in scena Noi. Mille volti e una bugia (giunto ormai a circa 170 repliche), Andrea Sasdelli lo ripete più di una volta, al pubblico presente in sala e dopo lo spettacolo in camerino: “Mi sento emozionato come la prima volta che salii sul palco di Zelig. Siamo partiti da Brescia dopo oltre un anno e mezzo di pausa e l’applauso che ho ricevuto appena prima di iniziare lo show è stato liberatorio. Avevo le lacrime agli occhi”.

Il 29 marzo Giacobazzi è stato ospite del Teatro La Fenice di Senigallia, città che già lo aveva accolto calorosamente in passato e che anche questa volta non si è dimostrata da meno: sold out in pochissimi giorni, una platea viva tra risate e applausi, massima attenzione anche da parte della stampa. D’altronde, gli elementi per un successo assicurato c’erano tutti: un comico che è ormai molto di più, lo si potrebbe definire un artista a 360 gradi capace di comunicare alle masse ed empatizzare con persone di ogni età; la voglia di libertà e il desiderio di tornare alla normalità, di riprendere a vivere; una città che ha sempre avuto un’attenzione particolare per la cultura.

Il tema fondante dello spettacolo Noi. Mille volti e una bugia, scritto da Andrea Sasdelli insieme al collega e amico Carlo Negri, che ne cura anche la regia, sono le maschere: quelle che indossiamo già in tenera età all’interno dell’ambiente familiare, talvolta senza neppure rendercene conto; quelle che impariamo a maneggiare bene a scuola e poi gestiamo con estrema efficacia da adulti, sul luogo di lavoro ma anche con amici, parenti, nelle situazioni sociali più varie; quelle, infine, con cui rischiamo di identificarci al punto tale da non ricordare più chi siamo veramente. Ecco, allora, quanto sia importante, di tanto in tanto, svestirci della maschera pirandelliana dell’Uno, nessuno e centomila per dare libero sfogo alla parte più intima e nascosta di noi stessi. Quale migliore occasione del Carnevale per farlo? “La festa più falsa e ipocrita che conosca – la definisce Giacobazzi – perché non è affatto vero che la gente si maschera, al contrario si smaschera e si sente finalmente autorizzata a dire o fare cose realmente sentite, che in altri contesti sarebbero fonte di imbarazzo”.

Rispetto allo spettacolo che noi di Affaritaliani.it avevamo già recensito nel 2019 ci sono alcune novità, aggiornamenti post-pandemia e un paio di battute sui cuochi, che di recente hanno portato lo stesso Giacobazzi a cimentarsi ai fornelli di un noto programma televisivo a tema culinario. A tale proposito ci svela dietro le quinte: “Durante questi due anni di pandemia mi sono concentrato molto sulle cose manuali, come mettere in ordine la mansarda e la cantina. Dopodiché, ho iniziato a cucinare e sono diventato abbastanza bravo sia con i primi che con i secondi, tanto che ormai le donne di casa mi fanno sapere in anticipo cosa vorrebbero mangiare a pranzo e a cena”.

Almeno fino a quando non ha preso avvio la tournée 2022, che dopo Senigallia farà tappa a Ferrara, Bologna, San Marino, Parma, Sanremo, Trieste, Mantova e molte altre città. Sono però lontani i ritmi del dopo Zelig, quando Andrea era salito dall’oggi al domani su una giostra di fama e richieste a cui gli sembrava impossibile dire di no; a poco a poco il lavoro si era fagocitato la sua intera vita, ma un giorno un fatidico punto di svolta lo ha portato a prendere la decisione di continuare a svolgere il mestiere che tanto ama, senza però rinunciare troppo a sé stesso: “Oggi sono un uomo sereno, che prova un immenso piacere nel salire sul palco davanti a migliaia di persone ed emozionarsi con loro, ma ne prova altrettanto nel trascorrere una giornata con la famiglia o una serata con gli amici. Ho persino ricomprato la moto!”, scherza con quel suo veicolare la più semplice e al contempo profonda verità all’ironia di una battuta.

Noi. Mille volti e una bugia è anche l’occasione per scoprire come è nato il personaggio di Giuseppe Giacobazzi. Senza voler fare spoiler per chi ancora deve vedere lo spettacolo, possiamo anticipare che il racconto della sua genesi è esilarante, dagli esordi fino a quando la maschera è diventata talmente stretta da fondersi con chi la indossava. È qui che subentra un’interessante riflessione sulle persone e i personaggi, su ciò che siamo e ciò che appariamo, sulla pressione sociale che costringe determinate categorie di individui a nascondersi dietro a qualcosa di diverso da ciò che sono. Insomma, di strada verso l’accettazione e la tolleranza ce n’è ancora tanta da fare; anzi, a tal proposito Andrea è piuttosto duro nella sua opinione. “Dovevamo uscire da questa pandemia migliori, più consapevoli e solidali, invece siamo molto peggiori di prima, sempre pronti a vomitare cattiverie contro chiunque la pensi anche solo di poco diversamente da noi”.

In un contesto non proprio roseo, il teatro e più in generale la cultura costituiscono una chiave di salvezza essenziale. “Chiunque pensi che non è il momento giusto per godersi uno spettacolo teatrale, un libro o un film al cinema commette un errore madornale. La cultura, la conoscenza, il rapporto reciproco, il confronto delle idee è fondamentale, perché il dialogo nasce proprio così, in un ambiente come il teatro. Anche un barzellettiere fa cultura, dal momento che quella popolare è importante quanto quella dotta, e solo attraverso la cultura – appresa a scuola o nei luoghi di “intrattenimento” – saremo in grado di sviluppare un pensiero critico al fine di non essere manipolabili, di accettare gli altri e di imparare ad ascoltare”.

LEGGI ANCHE:

 

Non risponde al controllo Inps: era morta in casa da anni insieme al gatto

 

Carolina Marconi, adozione negata perché ha avuto un tumore: "Discriminazione"

 

"Davide Fontana ossessionato e geloso. Si finse Carol, disse che era a Dubai"

 

Omicidio Carol Maltesi, Fontana: "Le ho tagliato la gola come atto di pietà"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comicitàgiuseppe giacobazzimascherenoi. mille volti e una bugiasenigalliateatroteatro la fenice





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.