A- A+
Culture

SALA FASSBINDER | 1 - 13 APRILE 2014


MAR-SAB: 20:30 / DOM: 16:00 


GOLI OTOK
Isola della libertà
testo di Renato Sarti
da un progetto di Elio De Capitani e Renato Sarti
assistente alla regia Anna Rita signore
musiche Carlo Boccadoro
con Elio De Capitani e Renato Sarti
luci di Nando Frigerio
produzione Teatro dell'Elfo in collaborazione con Teatro della Cooperativa
si ringraziano Giacomo Scotti (autore del libro Goli Otok) e Ada Juretich

Si, al termine di questo spettacolo ( ma cosa è " spettacolo? ") non si può non ringraziare.
E non so chi ringraziavo: Aldo? Elio de Capitani? Renato Sarti? Giacomo Scotti? o la tremenda umana  disumanità di Goli Otok? Specchio riflettente un' umanità mai compiuta e, forse, per sempre impossible a divenire.
Non ci sono molte parole da dire davanti al racconto di questo nostro pezzo di storia, una storia che ci rappresenta, che appartiene a noi tutti, a tutti gli uomini che si interrogano sull' incapacità di essere e divenire Umani.
Ascoltare le parole che ci vengono dette da un sopravvissuto, non basta,  anzi dilata vertiginosamente la distanza tra chi dice e chi ascolta, svelati a noi stessi da quegli occhi che raccontano la disperazione del segreto partato addosso tutta una vita. 
Un segreto indicibile perchè inconsciamente sentiamo che nessun umano potrà sopportarne il peso, ma è solo dicendolo quel segreto che ci diamo possibilità di contrastarne l'insensatezza.
Andate e attraversatelo questo pezzo di vita raccontato magnificamente da Elio de Capitani, interrogatevi come Sarti interroga la sua e la nostra stessa inconfessabile curiosità, ma non fermatevi, non fermiamoci alla commozione, al giudizio, no, quello che il teatro insinua in noi è sempre una militanza non armata, il teatro, vero come questo, è un coltello piantato nel nostro cuore per risvegliarci ..
Goli Otok non è solo là, non è solo una cicatrice bianca dentro l'azzurro del mare, no, Goli Otok rivive ogni volta che non sappiamo dire no alla menzogna, ogni volta che non sappiamo dire no alla putrefazione dei sogni che abbiamo sognato insieme, ogni volta che rinneghiamo l'essere che siamo e che non vive di potere, ma di amore, di un amore che sa che la legge non è la giustizia, che sa che l'etica è un sentimento che arriva dal cuore..
 
Talora ho udito un organo cantare,
nella navata di una cattedrale,
senza capir parola,
ma trattenendo sempre il mio respiro,
e poi mi sono alzata, ed ero, uscendo,
una fanciulla più assorta,
benche ignorassi cosa mi era accaduto
nell'antica navata benedettina.
 
Io, senza contraddire la Dickinson, lo so cosa mi è accaduto nell'antica navata, la stessa cosa che mi è accaduta questa sera in questo spettacolo; io sono la navata, un potenziale immenso tra immanenza e trascendenza, un compito immenso e semplice l'umano, un canto che s'alza e che tradiamo continuamente.
E quando lo tradiamo vorremmo distruggere ogni prova del nostro tradimento, ( quello che volevamo fare di Goli Otok) sino a distruggere noi stessi, pur di non vedere quel che ancora una volta non siamo riusciti ad essere.
Ma non illudiamoci, c'è sempre una voce che s'alza e canta.
E' questa voce che ogni giorno ringrazio.
 
Patrizia Gioia
"i semi della gioia"
www.spaziostudio.net

Tags:
goli otok
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.