A- A+
Economia
Addio "giganti", i grandi investitori puntano sulle Mid-Cap di Piazza Affari
Piazza Affari Borsa

Addio giganti, i grandi investitori puntano sulle Mid-Cap: le società pronte a ricevere il testimone dalle banche

Addio "giganti", benvenute Mid-Cap. Le società italiane a media capitalizzazione cercano il riscatto e sono pronte a ricevere il testimone dalle banche nel rally di Piazza Affari. Il contesto può tornare favorevole per molti titoli fino a oggi sottostimati e la conferma di un possibile cambio di passo per la liquidità sul mercato arriva anche dalla 13esima edizione della Italian Investment Conference, organizzata da UniCredit in collaborazione con Kepler Cheuvreux con l’obiettivo di mettere a confronto investitori e top management delle quotate.

LEGGI ANCHE: Banche in crisi e i contribuenti pagano: ecco come evitare il collasso

Lo racconta Il Sole 24 ore. 63 società (il 60% della capitalizzazione di Piazza Affari) hanno incontrato 158 investitori: 1.300 meeting da cui è emerso un rinnovato interesse, anche da parte degli operatori stranieri, per un mercato dei capitali italiano che si prepara ad accogliere le novità normative e attende il taglio dei tassi, e in generale il secondo semestre, come spartiacque per un riposizionamento rispetto al recente passato. L’attenzione, come detto, è elevata soprattutto per le mid-cap. "Gli indici italiani, come è noto, stanno sovraperformando in Europa – spiega Silvia Viviano, Group head of Equity capital markets di UniCredit -, ma molte realtà con capitalizzazione inferiore ai 5 miliardi trattano ancora con uno sconto del 15% sui multipli storici. C’è un rinnovato ottimismo: i top management hanno confermato in gran parte le guidance; inoltre il tema dei tassi e del debito sembra rientrato e questo può favorire anche operazioni di m&a. La sensazione di molti investitori è che sia arrivato il momento giusto per rientrare sul mercato. Questi nuovi flussi potranno aiutare l’indice italiano a mantenersi sugli attuali livelli da record, in un contesto in cui il bancario sembra destinato a rallentare la spinta. In prospettiva, abbiamo registrato segnali positivi in particolare per il Consumer Goods, meno per l’Industrial, che attende la seconda parte dell’anno per esaurire residui di destocking e ripartire con nuovi ordinativi". Sembra ancora presto, però, per un segnale netto che arresti la fuga di molte Pmi da Piazza Affari, sostenuta dagli investimenti del private equity, e dall’altra parte alimentare la pipeline delle Ipo, oggi in secca.

"Servirà tempo – prosegue Viviano – per valutare l’impatto dei flussi sulle valutazioni reali. Nel breve, prevediamo che possano ancora proseguire anche i buyback: in Europa, persino nel bancario, non siamo ancora ai livelli di valutazione massimi registrati sul mercato Usa".






in evidenza
Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3


motori
Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.