A- A+
Economia
Generali, cresce il fronte anti-Donnet.Crt aderisce al Patto Calta-Del Vecchio

Cresce il fronte degli azionisti Generali che vogliono un nuovo amministratore delegato a Trieste: la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, ha conferito la propria quota dell'1,232% all'accordo parasociale sul Leone. Come più volte sottolineato da Affaritaliani.it, l'ente piemontese amministrato dal duo Giovanni Quaglia-Stefano Lapucci, azionista storico a Trieste (una volta anche indiretto attraverso il veicolo Effetì, con i soci veneti di Ferak), era i principali indiziati per aderire ex post al patto di patto di consultazione siglato la settimana scorsa fra Francesco Caltagirone e Leonardo Del Vecchio, soci da tempo critici nei confronti di Philippe Donnet, ritenuto poco aggressivo sul fronte M&A.

Con l'arrivo dell'ente torinese nonchè con gli ultimi acquisti dei due grandi soci privati della compagnia assicurativo l'accordo parasociale sale al 12,334% del capitale di Generali, a un soffio dal 12,9% in portafoglio al principale azionista Mediobanca, da sempre socio di riferimento a Trieste e contro la quale Caltagirone e Del Vecchio hanno ingaggiato la battaglia per il rinnovo del Cda di Generali con al centro  Donnet che invece punta al terzo mandato. Rinnovo che sarà all'ordine del giorno del prossimo consiglio di amministrazione della compagnia assicurativa il 27 settembre e su cui dovrà accendere il disco verde finale l'assemblea dei soci di aprile 2022.

Il patto di consultazione, siglato proprio in vista della prossima assise degli azionisti e che terminerà una volta rinnovato il board, si allarga a Crt dopo che la fondazione torinese ha comunicato a Delfin e alle società del gruppo Caltagirone, che hanno accettato, di voler aderire al patto con l'intera quota pari all'1,232% del capitale.

WhatsApp Image 2021 06 30 at 18.54.11

Il Ceo di Mediobanca Nagel e quello di Delfin Romolo Bardin

Proprio l'altro ieri la Consob aveva chiesto ai due grandi azionisti delle Generali in movimento sul gruppo triestino di chiarire alcuni aspetti relativi agli accordi, attraverso un’integrazione di informazione, sugli ingressi futuri inquello che è stato definito subito un patto "aperto" a quanti fra gli azionisti del Leone condividevano la volontà dell'imprenditore capitolino e del patron di Essilux. Ovvero puntare con un nuovo amministratore delegato a “una più profittevole ed efficace gestione" del colosso delle polizze, attraverso una “modernizzazione tecnologica dell'attività caratteristica, al posizionamento strategico dell'impresa, nonchè alla sua crescita in una logica di mercato aperta, trasparente e contendibile”.

Gli occhi ora sono puntati sugli altri soci privati della compagnia come la famiglia Benetton, che ha circa il 3,98% di Generali e che alcune indiscrezioni danno vicina ai due imprenditori. Imprenditori con cui le connessioni di business non mancano (vedi box). 

@andreadeugeni

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    assicurazioni generalipatto consultazione del vecchio caltagirone fondazione crtbenettonphilippe donnetmediobancaalberto nagelde agostinilorenzo pellicioligabriele galateri
    i più visti
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.