A- A+
Economia
Goldman Sachs ha usato fondi statali cinesi per acquistare aziende USA e UK
David Solomon Goldman Sachs

La finanza va oltre ogni problema di sicurezza: il caso esemplare dei fondi cinesi

Bomba del quotidiano britannico Financial Times sul denaro cinese utilizzato per acquistare una serie di società statunitensi e britanniche considerate strategiche. Lo speciale del quotidiano economico UK, parla di 7 operazioni della banca Goldman Sachs in cui sono stati utilizzati 2,5 miliardi di dollari di un fondo di private equity, “fondo di partenariato” istituito nel 2017 con il fondo sovrano China Investment Corporation (CIC). La rivelazione è arrivata al quotidiano direttamente da soggetti che hanno avuto a che fare con il fondo. 

Il presidente Biden all'inizio di questo mese ha emesso un ordine esecutivo che limita gli investimenti statunitensi in iniziative cinesi che coinvolgono temi come l’intelligenza artificiale, l’informatica quantistica e i semiconduttori, per ovvie ragioni: sicurezza nazionale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cicfondi statali cinesigoldman sachsnazionalesicurezzaukusa





in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.