A- A+
Economia
Governo Meloni: minori stop ai porno. E' come fermare il mare con un cucchiaio
porno

Lo sapevate che circa l’1,7% delle donne adulte USA hanno lavorato nell’industria del porno almeno una volta nella vita. La crisi del maschio occidentale ha a che fare con l’esplosione dei nuovi porno e...

 

Dopo le violenze sessuali di Caivano e vari casi di cronaca su stupri riguardanti minori, il governo di Giorgia Meloni, nella figura del pur coraggioso ministro della Famiglia Eugenia Roccella, sta pensando a un blocco dei siti pornografici per chi ha meno di 18 anni. Oltre ai problemi di privacy è un’idea semplicistica, a dire poco ingenua. Può far felice qualche genitore, terrorrizzato dal settore, ma è come fermare il mare con un cucchiaino o curare un cocainomane con l’eroina perché l’opzione potrebbe risultare addirittura controproducente. 

Bloccare ai minori l’accesso ai porno, tramite app certificare e piattaforme controllate, non vieta loro di usufruirne, anzi. Come nei Paesi che l’hanno fatto, si ha solo l’effetto di spostarli in luoghi più nascosti e pericolosi della rete, dove pullulano dinamiche ben meno appropriate di quelle che si possono trovare su portali classici come Youporn o Pornhub, per citarne qualcuno. 

Prima bisognerebbe interrogarsi su cosa sia oggi il porno e come coincida con la crisi del concetto di “maschile” occidentale.  E poi non c'è alcuna prova che anche chi è nelle fasi più delicate della crescita faccia gesti emulativi solo perché vede scene pornografiche aggressive e di sopraffazione, per giunta minoritarie nel mondo porno. Sarebbe come pensare che le ragazze corrano a farsi suore solo perché empatizzano con il serial RAI di successo “Che Dio ci aiuti” o che le ragazzine d’Italia si denudino per strada perché stravedono per la star femminile dei Maneskin, Victoria, costantemente nuda sui social, ancheggiante mentre simula rapporti sessuali.

LEGGI ANCHE: Stupri a Caivano, lo Stato militarizzi la zona e tolga i minori dalle famiglie

C'è invece prova, da numerose ricerche (tra tutte vedi lo studio per l’Italia di La Marca sulla Generazione Y) che i minori distinguano sempre meno tra finzione e realtà, assimilando la violenza come gioco, luogo dove tutto diventa possibile. Il problema è il modello sociale diffuso in cui viviamo, non cosa passa nella pornografia che è solo uno specchio della società. Diverse statistiche americane, le poche di settore come quelle pubblicate dal portale Gitnux che si occupa di marketing e tecnologie o dal sito di giornalismo Truthout, delineano la tendenza mondiale.

L'industria del porno è forse il principale attore nel settore dell'intrattenimento: vale 97 miliardi di dollari ma potrebbe pesare ancor di più. La pornografia è un’industria multimiliardaria, difficile da tracciare per quanto sia multiforme e per tutti i settori che tocca perché viviamo in un capitalismo della solitudine che prolifera del profitto incessante senza limitazioni. Meno legami sociali hai e più sei produttivo e dipendente dal sistema burocratico generale.

“I massicci cambiamenti sociali nella forza lavoro e nel commercio negli Stati Uniti”, spiegano Harriet Fraad e Tess Fraad Wolff su Truthout, “hanno trasformato l’economia e influenzato fortemente le relazioni personali. Dal 1970, siamo passati dall'essere una società di persone collegate in gruppi di ogni tipo a una società di persone che troppo spesso sono disconnesse, distaccate e alienate le une dalle altre”. Si vive l’intimità e le fantasie sessuali sempre più da soli, tramite Internet.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bloccodestragovernomeloniminoripornopornografiaroccellastop





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.