A- A+
Economia
Legge di Bilancio, allarme da Bruxelles: "Il pil cresce meno del previsto"

Legge di Bilancio, il pil si è fermato: rischiamo una manovra lacrime e sangue

Felix The Cat
 

“Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi” era il titolo di un fortunato film del 1989 fortunatamente a lieto fine. C’è da credere che nei corridoi auspichino analoga conclusione alla vicenda sempre più drammatica della contrazione del Pil. Non si tratta di mero esercizio di stile per dire che “signora mia si stava meglio prima”. No: la riduzione della ricchezza prodotta significa una manovra (pardon, Legge di Bilancio) spuntata, con tagli di vario tipo e dimensione. Altro che provvedimenti omnibus che vanno dall’innalzamento delle pensioni minime al Ponte sullo stretto senza dimenticare il nucleare.

Leggi anche: Il governo all'esame della manovra: ecco quanti soldi potrà spendere

Il ministro dell’economia, Giancarlo Giorgetti, ha capito già da tempo l’aria che tira. Non è un caso che dalla convention di Cernobbio – divenuto ormai rituale stanco ma tant’è, questi sono gli appuntamenti che ci meritiamo – ha tuonato contro il Superbonus 110% che costerà in tutto 100 miliardi. Impossibile dargli torto: pensare che questo provvedimento graverà come un macigno sulle tasche del nostro Paese fa effettivamente salire la rabbia. 

Deficit in rialzo nelle stime Nadef, verso il 5% 

Il deficit del 2023 potrebbe essere rivisto al rialzo nelle nuove stime della Nadef. Considerando i dati del Superbonus, di cui si dovrà tenere conto, e quelli sull'andamento dell'economia, dal 4,5% del Pil indicato nel Def si potrebbe salire quest'anno - come anticipato da un'analisi di Bloomberg - verso il 5%. 

Però c’è anche un’altra verità, che Giorgetti si è guardato bene dal raccontare. I conti non tornano: il governo prevede una crescita dell’1%, anche se si è registrata una contrazione nel prodotto interno lordo. Bruxelles ha già annunciato che nei prossimi giorni racconterà come stanno le cose veramente e allora saranno veramente problemi grossi. Tanto per abbandonare il freddo dato percentuale, è importante ricordare che ogni decimo di punto di pil vale circa 1,9 miliardi. Così, se si pensava che si sarebbe cresciuti dell’1% e poi ci si risveglia con un modesto +0,6%, significa che all’appello mancano circa 7,6 miliardi. Poiché con Bruxelles si è concordato un deficit al 3,7%, che cosa succederebbe se all’appello mancassero tutti quei soldi?

Leggi anche: Non è il Superbonus a far venire il "mal di pancia": perché sarà una manovrina

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bruxelleslegge di bilanciopil





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.