A- A+
Economia
Mediobanca, sfida delle liste e il ruolo di Caltagirone. E spunta Bini-Smaghi
Alberto nagel, amministratore delegato di Mediobanca

Mediobanca, attesa per le mosse di Caltagirone: ancora senza accordo Nagel-Milleri

La battaglia per le liste in Mediobanca continua, non c'è ancora accordo tra Nagel e Milleri e ormai il tempo è quasi scaduto. Si infiamma la battaglia sul consiglio di Piazzetta Cuccia. Mercoledì sono attese le liste ufficiali, due giorni prima (lunedì 18) si riunirà il comitato delle nomine. Manca sempre meno quindi al gong per trovare un'intesa tra le parti ma è ancora presto per fare la conta perché bisognerà vedere cosa farà l'altro socio forte: Caltagirone. La cosa certa è che il prossimo 28 ottobre bisognerà rinnovare il cda con 15 membri. Una lista di nomi - riporta Il Corriere della Sera - che vede la riconferma del ceo Alberto Nagel e del presidente Renato Pagliaro. Per un terzo il board sarà poi rinnovato per l’uscita dei consiglieri che hanno raggiunto i limiti di età previsti dallo statuto (75 anni).

Vale a dire Elisabetta Magistretti, Maurizia Angelo Comneno, Maurizio Costa e Maurizio Carfagna, e probabilmente Gabriele Villa che dal prossimo mandato cesserebbe di essere indipendente. Si tratta dei posti lasciati liberi in cda che Mediobanca aveva offerto al consiglio della Delfin, socio con il 19,8% della banca, e a Francesco Gaetano Caltagirone (9,9%). Una proposta che fin qui la holding lussemburghese della famiglia Del Vecchio ha rifiutato ponendo come condizione la nomina di un nuovo presidente, di garanzia e senza affiliazioni, per arrivare a una lista unica.

Leggi anche: Bini Smaghi: "Bce? La stretta non è finita. Le critiche del governo dannose"

Leggi anche: Mediobanca, il grande gelo Milleri-Nagel. E Caltagirone non ha fretta

 

Richiesta respinta da Mediobanca. Alla luce di questo, - prosegue Il Corriere - Delfin vede uno spiraglio stretto, anche se l’auspicio resta quello di arrivare a un punto di caduta. Nella comunità finanziaria, intanto, c’è chi fa il nome di Lorenzo Bini Smaghi, già membro del Comitato esecutivo Bce, oggi al vertice di Société Générale, come possibile presidente di Mediobanca.

Mediobanca pubblica l'avviso per l'assemblea del prossimo 28/10

Mediobanca ha pubblicato l'avviso di convocazione per l'assemblea ordinaria e straordinaria del prossimo 28 ottobre. L'appuntamento per gli azionisti è fissato alle 10 nella sala di via Filodrammatici a Milano. Cinque i punti all'ordine del giorno nella parte straordinaria, tra cui l'approvazione del bilancio allo scorso 30 giugno e della destinazione dell'utile, con la distribuzione del dividendo. Segue la nomina del nuovo consiglio d'amministrazione e del collegio sindacale per il triennio 2024-2026. Completano la discussione l'autorizzazione all'acquisto di azioni proprie e le remunerazioni. Quattro i punti all'ordine del giorno nella parte straordinaria, dall'annullamento delle azioni proprie senza riduzione del capitale sociale alle deleghe al consiglio di amministrazione per gli aumenti di capitale gratuiti per i piani di incentivazione azionaria riservati ai dipendenti che ne hanno diritto e per il piano di azionariato diffuso e di co-investimento dei dipendenti. Conclude la discussione la proposta di modifica all'articolo 33 dello statuto sull'acconto sui dividendi. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
caltagironemediobancamillerinagel





in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.