A- A+
Economia
Guerra Ucraina, Milano chiude a +3,6%. Mosca rimbalza del 20%. Crolla il gas

Borse europee in deciso rialzo dopo l'apertura di un canale di dialogo fra Russia e Ucraina 

La guerra tra Russia e Ucraina fa meno paura: nel secondo giorno di conflitto tornano gli acquisti sulle Borse europee che rimbalzano, recuperando parzialmente le perdite registrate alla vigilia, dopo l'ingresso delle forze armate russe a Kiev. Nonostante sul fronte militare l'offensiva russa continui, sui mercati si è registrata una certa distensione alla luce di sanzioni alla Russia meno pesanti del previsto e dell'apertura di Mosca a dei colloqui sull'Ucraina.

In particolare, a Piazza Affari il Ftse Mib è salito del 3,59%, a Parigi il Cac40 del 3,55% e a Francoforte il Dax40 del 3,66%, sulla scorta dei decisi rialzi dei titoli dei settori utility, banche e materie prime. Sul fronte sanzioni, in particolare, la Russia non è stata estromessa dal sistema Swift, usato per le transazioni finanziarie globali, e il settore energetico non e' stato duramente colpito. Anche se il ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire, in qualità di presidente Ecofin ha detto che il blocco da Swift della Russia resta sul tavolo come "arma nucleare finanziaria". 

L'allungo degli indici europei, partiti con la voglia di rimbalzo ma incerti in mattinata, è arrivato dopo l'apertura della Russia sulla possibiltà di colloqui: il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, secondo quanto riportato l'agenzia Interfax, ha detto che "in risposta alla proposta di Zelensky presidente dell'Ucraina, Vladimir Putin è pronto a inviare a Minsk una delegazione russa composta da rappresentanti del ministero della Difesa, del ministero degli Esteri e dell'amministrazione presidenziale per colloqui con una delegazione ucraina". 

Tra i titoli, a Piazza Affari, sono state brillanti le performance di Enel (+5,77%), Prysmian (+5,49%) e Stellantis (+5,3%). Sul fronte dei cambi, l'euro riprende quota sul biglietto verde: si attesta a 1,1248 dollari (1,1193 in avvio e 1,1146 ieri in chiusura). La moneta unica vale anche 130,047 yen (129 e 128,61), mentre il dollaro-yen è pari a 115,617 (115,3 e 115,41). Ritraccia dai massimi il prezzo del greggio: il contratto consegna aprile sul Brent scivola del 2,12% a 96,98 dollari al barile e quello di pari scadenza sul Wti dell'1,76% a 91,17 dollari al barile.

Rimbalza la Borsa di Mosca dopo il panic selling scatenato dall'invasione dell'Ucraina

Rimbalza anche la Borsa di Mosca dopo il panic selling scatenato dall'invasione dell'Ucraina e dalla minaccia di durissime sanzioni da parte di Usa ed Europa: l'indice Moex, che ieri aveva perso il 33,3%, oggi ha recuperato parte delle perdite, salendo del 20% mentre l'indice Rts, ieri crollato del 38,3%, oggi è risalito del 26,1%.

Il recupero è stato agevolato dal fatto che le sanzioni, alla fine si sono rivelate meno dure del previsto, anche se grandi gruppi bancari come Sberbank (+16%) e Vtb (invariata), hanno perso nelle ultime sedute la metà del loro valore. Risale anche il rublo, in rialzo dell'1,6% sul dollaro a quota 82,9.

Rallenta la corsa dei prezzi del Gas: prezzi sotto 100 euro, -28,75%

Infine, rallenta anche la corsa dei prezzi del gas che, dopo avere fatto registrare un rialzo fino al 56% nella seduta precedente, si sono progressivamente sgonfiati, fino a scendere stabilmente sotto quota 100 euro al megawattora. Già nella mattinata i prezzi erano scesi sotto questa soglia, ma erano poi risaliti.

Al momento il contratto scadenza marzo scambiato ad Amsterdam passa di mano a 95,7 euro al megawattora, in ribasso del 28,75%. Mentre la tensione in Ucraina resta alta e l'esercito russo è ormai arrivato alla capitale Kiev, a calmare i mercati e' l'apertura di Mosca a inviare una delegazione a Minsk per intavolare colloqui con l'Ucraina. Kiev ha fatto sapere che considerera' la proposta russa. In calo del 3,25% anche i prezzi del gas scambiato negli Stati Uniti alla vigilia avevano fatto segnare rialzi attorno ai 5 punti. 

LEGGI ANCHE:

Lo scoppio della guerra in Ucraina e i contraccolpi sui mercati energetici rischiano di vanificare gli effetti dei decreti del governo Draghi contro il caro-bolletta in Italia? Di quanto saranno i rincari di gas e luce? E del prezzo del barile di petrolio? Affaritaliani.it lo ha chiesto all'economista Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia

Russia, le nuove sanzioni Ue. Blocco Swift congelato. "Putin non ha paura. Aiuti economici di Xi su restrizioni"
- Swift Russia, cos'è la misura invocata dall'Ucraina contro Putin
 

Commenti
    Tags:
    bidenborse europeecrisi ucrainagasguerrakievpetrolioputinwall street




    
    in evidenza
    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    Annuncio col giallo

    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi


    motori
    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.