A- A+
Economia
Venezuela, dopo 8 anni si risveglia l’economia del paese sudamericano
Nicolás Maduro
Lapresse

In otto anni il Pil dell’economia del Venezuela, uno dei paesi più ricchi di petrolio al mondo (la quarta economia dell’America Latina) ha perso il 75%, con cali tra il 20 e il 30%. Recessione, iperinflazione e dittatura le cause di questo incredibile crollo che forse quest’anno sembra aver toccato il fondo.

E’ pur vero che i dati economici, soprattutto quelli trasmessi dal Governo di Nicolas Maduro sono da prendere con una certa diffidenza, ma gli analisti finanziari internazionali cominciano ad intravedere un lieve rallentamento della caduta e una altrettanto lieve ripresa dell’economia.

Credit Suisse, forse troppo ottimista, ha previsto una crescita dell’economia del paese di ben 4 punti percentuali, mentre gli economisti venezuelani sono concordi nel ritenere che perlomeno si stia fermando la caduta a picco iniziata nel 2013. Sopra queste due valutazioni il FMI prevede comunque, per quest’anno, una recessione del 5%.

In ogni caso sembra che qualcosa si stia muovendo nel disastrato paese, e questo grazie, nemmeno a dirlo, al cosiddetto PIL petrolifero.

Diversi economisti indicano che in questo momento c’è stata una lieve ripresa nella produzione di greggio nazionale che potrebbe essere ancorata al traino dell'aumento dei prezzi del petrolio in questo momento.

Ed anche l’amministrazione Biden sta, più o meno volontariamente, dando una mano al lieve risveglio con un allentamento della pressione sulle sanzioni.

Secondo esperti venezuelani nel 2021, l'aumento del PIL petrolifero potrebbe essere del 12%, mentre il PIL non petrolifero potrebbe scendere del 3,5%, con un trend ancora recessivo ma meno pesante, -1,5%.

E per salvarsi il governo chavista ha dimenticato, per un po’, di essere appunto chavista. Ha così adottato

misure favorevoli alle imprese per sopravvivere e cercando stimoli per gli investimenti internazionali.

Dall’aumento annuo del 30mila per cento del CPI (Consumer Price Index) nel 2018, il Venezuela potrebbe chiudere il 2021 intorno al 1.000%. Ancora una cifra record al mondo ma notevolmente inferiore a quella di tutti questi anni e, soprattutto, in inversione di tendenza.

"Possiamo già parlare di crescita economica-confermano diversi economisti-è una piccola crescita che si verifica dopo la debacle degli anni precedenti”

In ogni caso al di là delle cifre, è chiara un’inversione di tendenza dell’economia nazionale e la contrazione aggressiva di questi anni sembra essersi fermata.

Nel 2022 è prevista una crescita un tasso di crescita del 4%. Purtroppo però il paese è ancora economicamente distrutto e la gente non pensa ad altro che migrare. E per far cambiare questo desiderio di fuga ci vorrà ancora molto tempo.

La lievissima ripresa si è avuta anche nell'agroalimentare e, molto timidamente, anche nel settore delle costruzioni. Il settore manifatturiero e finanziario sono ancora bloccati.

Ma senza gli investimenti necessari per recuperare le infrastrutture petrolifere e i problemi strutturali (primo fra tutti le reti elettriche), senza avere accesso al credito internazionale e con la pesante immagine di inaffidabilità di Maduro potrebbe essere molto difficile mantenere questo trend di ripresa. Ma nonostante tutto qualcosa finalmente si sta muovendo nella direzione della rinascita.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bidenmaduropetroliopilripresasanzioni
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.