A- A+
Esteri
Cina, Blackstone ascolta Soros e si ritira. Crisi per il settore immobiliare

C'era una volta un tempo in cui la Cina lanciava la grande stagione di apertura e riforme, creava le basi per l'esplosione del settore privato e la nascita dei colossi che hanno dominato il mercato interno per qualche decennio e hanno iniziato poi a espandersi su scala internazionale. C'era una volta una Cina in cui la classe media cresceva a ritmo dirompente, così come la tendenza all'urbanizzazione. Era un tempo in cui la crescita, imponente, avveniva in maniera poco regolata. In cui la concentrazione talvolta "disordinata" di capitali e gli investimenti a debito erano consentiti. Ora, però, la Cina ha deciso di cambiare registro. La crescita da "tutto e subito" non basta più, ora vanno preservati gli obiettivi strategici di lungo periodo.

Il nuovo sistema di crescita cinese, anticipato da Xi Jinping nel suo primo discorso post Beidaihe ma in realtà derivante dalla "doppia circolazione" lanciata prima del quinto plenum dell'ottobre del 2020 e dal nuovo modello di sviluppo intimato dal presidente, sta avendo ripercussioni sul settore immobiliare. Negli scorsi giorni le agenzie di rating mondiali hanno declassato il giudizio sulle obbligazioni di Evergrande, il principale attore cinese del ramo. Evergrande, al cui salvataggio avevano tra l'altro partecipato diverse aziende private tra cui Suning (proprietaria dell'Inter) solo pochi mesi fa, ora rischia il default.

Blackstone si ritira e Soho China crolla in Borsa

Ma la crisi si sta diffondendo in tutto il settore. Nella giornata di lunedì 13 settembre, lo sviluppatore immobiliare Soho China è crollata di oltre il 30% alla borsa di Hong Kong. L'azienda era stata individuata dal private equity statunitense Blackstone, alla ricerca di opportunità di investimenti e crescita nelle Repubblica Popolare. Una mossa che era stata criticata aspramente dal finanziere George Soros, che aveva parlato di un rischio sistemico per il settore immobiliare cinese, nonché in generale per l'economia di Pechino, un po' sulla scorta di quanto accaduto negli Usa con il caso Lehman Brothers che aveva innescato la crisi finanziaria del 2008.

Blackstone aveva reso noto che le pre condizioni dell'accordo non sarebbero state soddisfatte in tempo e ha ritirato l'offerta. Il fondo americano aveva valutato Soho China circa 3,3 miliardi di dollari americani a giugno, ma la stretta del governo cinese sul settore privato con un forte attivismo delle autorità antitrust ha costituito una battuta d'arresto e un campanello d'allarme per l'investitore straniero. Il governo cinese ha ampliato il proprio arsenale normativo, rendendo più difficile la raccolta di liquidità ai grandi colossi privati. Ciò ha fatto entrare in crisi diverse realtà del settore, a partire da Evergrande.

La parabola del settore immobiliare cinese

Non è un caso. Proprio il settore immobiliare era stato tra quelli a beneficiare maggiormente della stagione delle aperture di Deng Xiaoping. Simbolico che il fondatore di Evergrande Xu Jiayin, si fosse trasferito a Shenzhen nel 1992, proprio l'anno in cui il piccolo timoniere rilanciava le riforme e apriva a privatizzazioni e ammodernamento del sistema fiscale cinese. Sempre dalla stessa città, al termine del ventennio di opportunità strategiche profetizzato dall'ex presidente Jiang Zemin nel 2002 all'indomani dell'11 Settembre e all'ingresso della Cina nell'Organizzazione mondiale del commercio, è partito però il processo opposto. Durante la visita pre Plenum nel Guangdong, Xi ha lanciato la doppia circolazione e affermato una maggiore presenza dello Stato, e dunque del Partito, nell'economia.

Anche il settore immobiliare è chiamato a crescere e operare in maniera più sana, dopo aver proceduto per decenni con un modello di investimenti a debito che l'aveva fatto prosperare. Ora il rischio di contraccolpi su tutto il settore esistono, ma Pechino intende soprattutto preservare stabilità politica e sostenibilità del modello di crescita economica sul lungo termine. E peccato se nel frattempo qualche gigante possa anche rischiare di cadere.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cinaimmobiliareevergrandecrisi
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.