A- A+
Esteri
Guerra Russia Ucraina, lo “spirito Zelensky”: resilienza per il successo
Vladimir Zelensky

Guerra Russia Ucraina, Zelensky come Davide contro Golia: usa l'arma della resilienza per abbattere Putin 

Chi conosce un po’ la Bibbia ricorderà l’atteggiamento del giovane (non ancora re) Davide contro il gigante Golia. Sicuramente il Presidente Volodymyr Zelensky – nato e cresciuto in una famiglia di origine ebraica – conosce l’episodio in cui Davide dice al gigante avversario: «chi è mai questo Filisteo incirconciso, che osa insultare le schiere del Dio vivente?».

Non lo chiama né gigante, né nemico, né problema. Non lo sottovaluta, ma lo sminuisce, forte della fede che lo sostiene. In questa frase raccontata nel primo libro di Samuele c’è tutto il fiero spirito della resilienza. La stessa che fa dire al presidente ucraino che il suo popolo invaso dal malvagio gigante russo è «una superpotenza dello spirito».

Non si sente affatto inferiore. Anche il suo popolo è una superpotenza con una forza interiore, la “potuzhnistʹ” che l’invasore ha sicuramente sottovalutata. La resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici.

Il quadro psicologico positivo più noto per la resilienza è il “modello 3P” di Martin Seligman, il  fondatore della psicologia positiva.  La prima “P” è la Personalizzazione. Pensare che il problema sia te stesso, invece di considerare altre cose esterne che lo hanno causato. Rendersi conto che fattori esterni hanno causato una brutta situazione ci consente di ridurre la colpa e le critiche che poniamo a noi stessi. 

La seconda “P” è la Permanenza. Pensare che una brutta situazione durerà per sempre. Coloro che pensano che le battute d'arresto siano temporanee hanno una migliore capacità di accettare e adattarsi al futuro. 
La terza “P” è la Pervasività. Pensare che una brutta situazione si applichi a tutte le aree della tua vita, invece di accadere solo in un’area.

Le persone che pensano che le situazioni negative siano pervasive sentono che tutte le aree della loro vita ne sono influenzate. Questo può rendere difficile andare avanti. La resilienza è insita nella fierezza di un popolo e di una persona. Quello che diciamo agli altri e quello che diciamo a noi stessi conta molto. Perché le parole sono profezie.

Una profezia che si autoadempie in psicologia si ha quando una persona è convinta che fallirà e perderà. Quindi orienta il suo comportamento in un modo tale da finire per causare tali eventi. La persona di successo non permette mai che escano dalla sua bocca parole negative e questo non fa altro che rafforzare la sua resilienza.

Le nostre parole possono benedire il nostro futuro oppure possono maledirlo. Talvolta ti sentirai giù. Ti senti oppresso dai problemi. Ma non insistere sul negativo. Invia le tue parole nella direzione che tu desideri che prendano! Non usare le tue parole per crogiolarti in una situazione negativa.

Usale per cambiare la situazione. Lascia che le tue parole ti sollevino. Abbi il coraggio di fare delle dichiarazioni di fede che ti facciano progredire. “Sai? Questo sarà un grande giorno. Ho il favore di Dio. Lui dirige i miei passi. Qualsiasi cosa tocco prospererà e avrò successo”.

Quando dai voce alla tua fede, benedici il tuo futuro. Non è sufficiente pensare alla fede e alla speranza. Non basta solo crederci. Diamo vita alla nostra fede quando pronunciamo ad alta voce i nostri sogni. Le parole sono come semi. Piantali con attenzione per nutrire la tua fede, per innalzare la tua vita sempre più in alto. 

La Scrittura dice che dobbiamo chiamare le cose che ancora non sono, come se già lo fossero. Puoi non sentirti bene, ma non devi insistere sui sentimenti negativi con le tue parole: “Mi fa male la schiena da anni. Sto diventando vecchio. Non penso che starò mai meglio”.

Queste parole parlano di sconfitta nel tuo futuro. Girale a tuo favore. Riferisci di una vittoria: “Posso non sentirmi in forma, ma so che è solo un fatto temporaneo. Dio sta recuperando la mia salute. Sto diventando più forte, più giovane. I miei giorni migliori sono davanti a me”.

Con queste parole di vittoria riceverai ciò che hai chiamato. Più parliamo del negativo, più negativi diventiamo. Se ti svegli la mattina sentendoti letargico, invece di lamentarti dovresti dichiarare: “Sono forte, sono pieno di energia. Dio sta rinnovando la mia forza. Posso fare ciò che devo oggi!” Non parlare di come ti senti quando sei giù. Parla di come vuoi essere.

Secondo Patricia Sullivan – scienziata politica presso l'Università della Georgia – in un articolo pubblicato nel Journal of Conflict Resolution sostiene che anche gli stati più potenti perdono l'appetito per la guerra se il costo è molto maggiore del previsto e se le armi da sole non garantiscono il successo. 122 sono le guerre e interventi militari dalla seconda guerra mondiale in cui Stati Uniti, Unione Sovietica, Cina, Gran Bretagna o Francia hanno combattuto un avversario militarmente più debole. Non hanno tenuto conto della resilienza e fierezza di un popolo. Secondo la ricerca, i “Golia” hanno perso il 39% delle volte. È quello che tutti ci auguriamo anche questa volta. Slava Ukraini

Leggi anche: 

"  Spie, inizia processo Biot: colpevole ma non si possono conoscere le prove"  

Covid, in Italia record di morti: ma a cosa sono servite tutte le restrizioni?  

Catasto, Fragomeli (Pd): "La Lega mette a rischio la tenuta del Governo"  

  Chi è Dario Fabbri, l'analista politico ospite fisso di Enrico Mentana su La7 

  Overtourism e consigli per una Pasqua green  

Bus con profughi ucraini si ribalta sulla A14, muore una donna a Cesena. Videoi  

  Carlyle, il gruppo di private equity conquista tute e caschi Dainese  

Corte dei conti, Sezione Giurisdizionale: inaugurato anno giudiziario 2022 

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaguerra ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"

    Rai, il direttore di Affaritaliani.it a Ore 14

    Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"

    
    in vetrina
    Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

    Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream


    motori
    Volkswagen lancia le nuove ID.7 GTX e Pro S, con un autonomia di 707 km

    Volkswagen lancia le nuove ID.7 GTX e Pro S, con un autonomia di 707 km

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.