A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, i possibili mediatori: Macron, Bennett, Xi, Erdogan... Merkel

Guerra in Ucraina, la rosa dei possibili mediatori: Macron iper attivo

Francia, Germania, Israele, Turchia, Cina. Si continua a sfogliare la margherita per individuare il possibile grande mediatore tra Mosca e Kiev per mettere fine alla guerra in Ucraina. Una margherità nel quale non si intravede nessun petalo a stelle e strisce, visto che gli Stati Uniti hanno scelto di non giocare un ruolo di prima linea su una crisi che vede ai loro occhi impantanarsi un rivale e che può consegnare invece una ritrovata unità tra i membri della Nato, in una lista che potrebbe anche ingrandirsi visti i pensieri di ingresso nell'Alleanza Atlantica che stanno formulando le varie Finlandia, Svezia e persino Moldavia. Non solo. Mentre la Danimarca fissa un referendum per rientrare nelle politiche di difesa comunitarie, ci sono tre aspiranti nuovi ingressi nell'Unione europea: Ucraina, Georgia e Moldavia.

Ma chi può svolgere questo ruolo così delicato, mentre prende il via il terzo round di colloqui e il Cremlino fa sapere di essere pronta a fermare il fuoco "in qualsiasi momento" qualora Kiev accogliesse le sue richieste. Vale a dire la capitolazione politica totale. Proposte per ora irricevibili, ma qualcosa sembra si stia smuovendo. Quantomeno all'esterno. Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, elenca chi sono i possibili attori, citando in particolare l'Unione europea "con il presidente Macron", la Turchia e la Cina.

Sì, Unione europea perché siamo nel piano del semestre francese alla guida del Consiglio e Macron lo sta sfruttando in maniera fondamentale questa finestra nella quale peraltro si vota anche alle elezioni presidenziali in Francia, che ora l'inquilino dell'Eliseo conta di vincere piuttosto agevolmente. Macron è attivissimo dall'inizio della crisi tra viaggi e telefonate continue con Putin e Zelensky. E' lui che sta tenendo informati in tempo reale i cittadini europei di fatto. 

Non è certo un mistero che Macron fosse il leader europeo che negli anni scorsi più aveva provato a creare engagement con Putin, evitando che Mosca venisse risucchiata verso oriente e la Cina. Questa almeno la missione dichiarata da Macron, che aveva più volte parlato di autonomia strategica europea e aveva incontrato Putin diverse volte, temendo forse quanto sarebbe potuto accadere nel caso di fallimento della diplomazia.

Guerra in Ucraina, il percorso accidentato del dialogo Ue-Russia

L'Ue si sta muovendo anche con le sue istituzioni, in particolare nelle scorse ore c'è stato un colloqui tra Putin e il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, il quale ha chiesto al presidente russo stop immediato delle ostilità e corridoi umanitari. Difficile che la mediazione europea porti i frutti sperati in breve termine, compresa quella di Macron nonostante sia riconosciuto un interlocutore da Mosca, anche perché Putin ha dichiarato che le sanzioni sono "come una dichiarazione di guerra" e l'Ue non è stata timida a riguardo, anche se sul fronte energetico appare ancora molto divisa. Lo stesso Olaf Scholz ha dichiarato che l'energia russa "è ancora essenziale per l'Europa", allontanando la possibilità di sanzioni draconiane in materia.

L'eventuale discussione d'urgenza dell'adesione dell'Ucraina all'Ue, prefigurata da Michel, potrebbe tra l'altro rendere ancora più accidentato il dialogo tra Mosca e Bruxelles. Meno irta di ostacoli quella che invece potrebbe costruire Israele. Nel fine settimana il primo ministro Naftali Bennett ha incontrato Putin e ha detto di aver trovato il presidente russo in uno stato d'animo "razionale", contraddicendo dunque la tesi secondo la quale sarebbe "complottista e irrazionale". 

(Continua nella prossima pagina con il ruolo di Israele, Turchia e Cina...)

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaemmanuel macronerdoganguerra ucrainaisraeleterza guerra mondialexi jinping





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.