A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, le accuse russe: "Laboratori biologici militari Usa a Kiev"

Guerra in Ucraina anche guerra di propaganda tra armi chimiche e laboratori biologici militari

Da una parte l'accusa della volontà di utilizzare armi chimiche come in Siria, dall'altra la teoria del complotto dei laboratori biologici militari statunitensi in Ucraina. La guerra non è solo sul campo ma anche nella propaganda. La Russia "pagherà un caro prezzo se utilizzerà le armi chimiche" in Ucraina: lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, in un discorso tenuto alla Casa Bianca. Sia Washington che Londra hanno avvertito ieri di un possibile utilizzo da parte di Mosca di armi biologiche, mentre la Russia accusa a sua volta gli Stati Uniti di gestire dei laboratori in Ucraina destinati a produrre armi biologiche.

Mosca rilancia sfruttando per la sua narrativa quanto detto dall'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), che ha esortato l'Ucraina a distruggere gli agenti patogeni che causano malattie nei suoi laboratori - ad esempio dove si faceva ricerca sui vaccini anti-Covid - per evitare "potenziali fuoriuscite" di virus durante le ostilita' in corso. L'invasione russa ha sollevato il timore di una 'fuga' di malattie pericolose qualora una qualsiasi delle strutture interessate in queste ricerche venisse danneggiata negli attacchi, ha riferito Reuters, citando esperti di biosicurezza.

Alcuni dei laboratori di salute pubblica ucraini, che hanno ricevuto il sostegno di Stati Uniti, Unione Europea e Oms, erano impegnati nella ricerca per contrastare virus mortali, incluso il Covid-19. L'Oms ha assicurato di aver collaborato per diversi anni con i laboratori ucraini per promuovere pratiche di sicurezza che aiutino a prevenire "il rilascio accidentale o deliberato di agenti patogeni".

C’è un altro sviluppo inquietante, riporta il Corriere della Sera: la Cina si schiera con Mosca. Il rappresentante cinese all’Onu, Zhang Jun, ha esordito «auspicando l’avvio rapido di negoziati tra Russia e Ucraina». Poi, però, ha virato schierandosi sostanzialmente con Mosca: «Chiediamo di prendere sul serio le preoccupazioni sollevate dalla Russia e di verificare se gli ucraini non stiano mettendo a punto armi chimiche o biologiche nei loro laboratori». Zhang Jun ha polemizzato con gli Stati Uniti: «È il Paese che più di tutti sta sviluppando queste armi proibite».

Leggi anche: 

" Carburanti, "Gasolio a 3 euro al litro? Effetti devastanti per molte attività"

" Salvini: "Bloccare IVA e accise su carburanti, luce e gas. Nuova pace fiscale"

" Russia, colpo di Stato contro Putin. Voci insistenti. Chi lo 'farà fuori"

" Guerra Russia-Ucraina, il museo Ermitage e il suo direttore amico di Putin"

" Elezioni Corea del Sud, vince il trumpiano Yoon. Kim Jong-un prepara i missili"

" Zelensky porta l'Ucraina nell'Ue... ma è la fiction "Servitore del popolo"

" BPER Banca, annunciata l'adesione a "M’illumino di Meno"

" Intesa Sanpaolo, con ICIMU per favorire investimenti delle aziende"

" Atlantia, presentati oggi all’Investor Day i risultati 2021"

 

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra ucrainalaboratori biologici militariterza guerra mondiale





    in evidenza
    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

    Nostalgia Masolin

    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

    
    in vetrina
    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti


    motori
    Škoda Enyaq 2024: potenza, ricarica rapida, autonomia estesa, eco-friendly

    Škoda Enyaq 2024: potenza, ricarica rapida, autonomia estesa, eco-friendly

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.