A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, Kiev continua a comprare gas da Putin. Draghi in Algeria
(Fonte immagine: Imagoeconomica) 

Guerra Ucraina, Kiev continua a comprare gas dalla Russia nonostante l'invasione

Mentre il mondo si scervella per provare a capire come evitare di acquistare gas dalla Russia di Vladimir Putin, proprio il paese invaso dall'esercito di Mosca continua invece a farlo. Proprio così, l'Ucraina continua ad acquistare gas russo. Scome scrive il Fatto Quotidiano, "Kiev formalmente non dipende più dall ’energia di Mosca, ma in realtà acquista un decimo dei suoi consumi ancora da Gazprom, sebbene solo indirettamente. In questa complicata partita doppia, l’Ucraina incassa ogni anno royalties per i servizi di trasporto per oltre un miliardo di dollari, ma poi è costretta a pagare trasversalmente il proprio aggressore".

Secondo quanto scrive il Fatto Quotidiano, "Mosca paga Kiev anche dopo averla aggredita (e di qui si spiega l’attenzione a non bombardare le pipeline), mentre l’Ucraina però deve restituire il favore alla Russia versandole attraverso Ungheria, Slovacchia e Polonia milioni di dollari che finiscono per finanziare indirettamente la macchina bellica di Putin. Un paradosso della geopolitica del metano e dei gasdotti".

Guerra Ucraina, Draghi e l'Eni puntano sull'Africa. Il premier in Algeria

Nel frattempo l'Italia punta sull'Africa. Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, lunedì 11 aprile si recherà ad Algeri per incontrare il Presidente della Repubblica algerina democratica e popolare, Abdelmadjid Tebboune. Sul tavolo nuovi accordi per il gas, ma attenzione perché proprio Algeri sta alzando il prezzo del gas per trarre più vantaggi possibile in questa favorevole contingenza geopolitica. Ma Draghi non si fermerà all'Algeria ed entro fine aprile sarà anche in altri paesi africani come Angola, Mozambico e Congo. 

Questa spinta verso l'Africa è sostenuta anche dall'Eni. Come scrive il Messaggero l'amministratore delegato dell'Eni, Claudio Descalzi, ha suggerito di provare a percorrere la via africana, puntando nello specifico ad aumentare le forniture da Algeria e Libia. "Ma è possibile che l'Algeria possa incrementare le forniture all'Italia di altri 10 miliardi di metri cubi l'anno? Visti le condizioni di partenza, forse la stima più realistica è 3 miliardi", spiega sempre il Messaggero.

"Un'alternativa al Medgaz è pompare più gas liquefatto attraverso il gasdotto ad alta capacità Maghreb-Europe (Meg). Il problema è che la pipeline attraversa il Marocco e a causa delle tensioni tra Algeri e Rabat, è saltato il rinnovo del contratto tra Sonatrach e il ministero marocchino dell'Energia" prosegue il Messaggero. "In realtà questa difficoltà potrebbe diventare una buona notizia per l'Italia, perché l'Algeria potrebbe decidere di dirottare in Italia parte del gas destinato al Meg".

Leggi anche: 

" Guerra Russia-Ucraina, l’uso dell’atomica? Un incubo da considerare

Guerra Ucraina, conta solo la Russia. Occhi chiusi su altri regimi e dittature

Elezioni Francia: la sovranista, il comunista, il polemista e… i candidati

Caro prezzi, big delle costruzioni distrutti scrivono a Draghi per svegliarlo

Pomeriggio 5, Veronica Gentili soffia la conduzione a Barbara D'Urso

Chi semina, tramanda: "Coltivatori di Emozioni", scopri il progetto

Ucraina, noi "buoni" guidati dalle lobby delle armi: immersi nella propaganda

Generali, aperte al pubblico le Procuratie Vecchie a Venezia

Luiss, la guerra in Ucraina: politica, economia e comunicazione

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainagasguerra ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda il video

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Belen paparazzata col nuovo fidanzato. Ecco chi è l'amore misterioso

    Belen paparazzata col nuovo fidanzato. Ecco chi è l'amore misterioso


    motori
    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.