A- A+
Esteri
Guerra Russia-Ucraina, l’uso dell’atomica? Un incubo da considerare

Guerra Russia-Ucraina, al Cremlino c’è un signore che parla tutti i giorni della possibilità di una guerra nucleare

Chi vive una crisi religiosa si trova a decidere se il Cristianesimo sia una religione valida, o una favola come le altre religioni. E soprattutto – per cominciare - se Dio esista o no. Soppesare queste visioni del mondo è come affacciarsi su un abisso e chiedersi se sia il caso di saltare giù.

Non si tratta di un semplice problema metafisico. Il dualismo, cioè la contemporanea esistenza di spirito e materia, prima ancora di essere una dottrina religiosa, promette quanto meno che si possa sperare in qualcosa al di là della piatta, prosaica esistenza del mondo quale appare. Il monismo materialistico, invece, ci costringe a rinunciare alla speranza di una realtà che abbia un senso e di un mondo guidato dall’alto. Ci obbliga ad accettare un mondo all’insegna del caos, con la coscienza che non esiste nulla al di là di ciò che constatiamo con i nostri sensi.

Decidere fra questi estremi è come essere obbligati a tuffarsi nell’acqua ghiacciata. Pensare sul serio è uno sport talmente pericoloso che molti, per prudenza, se ne astengono. Non è strano che Nietzsche abbia chiesto: “Fin dove osi pensare?” Infatti per concepire realmente il monismo materialistico con tutte le sue implicazioni, ci vuole coraggio. Molto coraggio. E non tutti lo hanno. Basti dire che la maggior parte degli uomini, e persino dei vecchi, pur essendo stata informata che non è immortale, preferisce dire: “Morire? Certo, certo. Ma poi”. Un poi che vorrebbe essere un mai. E non lo è. Mentre Socrate ha praticamente scelto di morire piuttosto che fuggire, perché da sempre – anche quando combatteva da coraggiosissimo oplita – aveva messo la morte in conto e l’aveva accettata, gli uomini normali preferiscono immaginarsi immortali.

Ma pochi somigliano a Socrate. Benché le bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki appartengano alla storia, benché sappiamo tutti che esiste il problema della guerra nucleare, preferiamo non pensarci. “Se ne parlerà sempre e non ci sarà mai, perché è troppo devastante per tutti”. Come se ciò che è “troppo brutto per essere vero” fosse veramente impossibile. E invece l’Olocausto è stato possibile.

L’ottimismo delle parole è stupido. La realtà non ha nessuna remora morale. Diversamente non ci sarebbero le cliniche oncologiche per i bambini. Dunque il problema della possibile guerra nucleare va affrontato da adulti. Senza nemmeno aggiungere: “Avendo fatto testamento” perché, probabilmente, non ci sarebbero eredi.

Al Cremlino c’è un signore che un giorno sì e l’altro pure ventila la possibilità di una guerra nucleare, come se lui e il suo popolo non dovessero temerla quanto la temiamo noi. Dunque non dobbiamo rispondergli: “Se ci minacci questa guerra, cederemo su qualunque punto”. Dobbiamo dirgli: “Se voi russi volete suicidarvi insieme con tutti noi, non possiamo impedirvelo. E comunque una volta o l’altra tutti dobbiamo morire. Ma la prospettiva della morte non ci farà preferire la schiavitù”.

La guerra nucleare è talmente devastante da cancellare dalla faccia della Terra i Paesi belligeranti ed uccidere, col fall out, anche centinaia di milioni di terzi non belligeranti. Soprattutto ad est, dal momento che in Europa i venti prevalenti sono da ovest. Qualcuno parla perfino dell’estinzione dell’umanità. Ma il realismo ci insegna che, mentre sarebbe normale che nessuno mai, nei secoli dei secoli, premesse quel dannato pulsante rosso, è anche possibile che una volta o l’altra un pazzo scateni questo tipo di guerra. È la famosa “legge di Murphy”: "Se ci sono due o più modi di fare una cosa, e uno di questi modi può condurre a una catastrofe, allora qualcuno la farà in quel modo". Od anche, più semplicemente: “Se qualcosa può andare storto, lo farà”. E allora, bisogna inchinarsi a chiunque minacci la guerra nucleare? Certamente no.

Bisogna piuttosto fare il possibile perché il disastro non si verifichi. Per esempio facendo sì che tutti capiscano fino alla feccia che significa “Mutual Assured Destruction” e si calmino. Traduzione: “Come tu cercherai di uccidere tutti i miei connazionali, anch’io ucciderò tutti i tuoi connazionali, tutti i tuoi alleati e chiunque vi somigli. Tu stesso morirai comunque, anche se uscirai dal bunker mesi dopo la bomba, perché l’aria sarà avvelenata per i decenni avvenire. Vuoi che moriamo tutti? E sia. Ma moriremo da uomini liberi e tu non l’avrai vinta”.

Questo è guardare in faccia la Medusa senza rimanerne pietrificati. Avere il coraggio della realtà senza per questo piegarsi. Del resto, chi si piega può subire lo stesso il destino che temeva: e morire da vile.

 

Leggi anche: 

" Guerra Russia-Ucraina: la metà degli italiani ha dei forti dubbi sulle stragi

Russia, "Putin assassinato". Ma la notizia la daranno solo tra qualche mese

Gas russo stop, Ue nei guai. Affidarsi a Biden è pericoloso: ecco perché

Russia-Ucraina, "ormai è guerra civile di logoramento, sarà lunga"

Palamara: "Discontinuità a Milano con Viola. Csm, compromesso al ribasso"

Fisco, 16 mln di italiani in arretrato: colpiti dalle tasse troppo alte

Agricole, blitz su Bpm. E Orcel rigioca la carta Mps: M&A ancora possibile

Fisco, Forza Italia non cede: "No ad aumenti di tasse, è un principio sacro"

Corsa Eliseo, Marine Le Pen: posso vincere queste elezioni. VIDEO

Cosmofarma: “Incontri ri-avvicinati”: Health Care a FieraBologna

Maire Tecnimont: Di Amato confermato presidente, Folgierio Ceo

BPER Banca, organizzato un convegno dedicato a PMI e mercato dei capitali

Commenti
    Tags:
    guerra russia-ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    La coppia più famosa del giornalismo

    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    
    in vetrina
    Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

    Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità


    motori
    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.