A- A+
Esteri
Massolo ad Affari: "Rischio che Putin allarghi la guerra ad altre zone calde"
Giampiero Massolo, presidente di Atlantia

Massolo: "Ci vorrà tempo per trovare un accordo"

“Il vero pericolo della guerra in Ucraina? Che Putin decida di allargare il conflitto anche in altre zone calde come Mali, Bosnia Herzegovina, Caucaso”. Giampiero Massolo, appena eletto presidente di Atlantia, è un esperto di geopolitica. Già ambasciatore, è stato a capo del Dis, il Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza e Segretario Generale del Ministero degli Esteri. Oggi è anche presidente dell’Ispi, l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale. Parlare con lui, dunque, è l’occasione per avere un quadro preciso della situazione che stiamo vivendo ai confini dell’Europa.

Ambasciatore, viene quasi da chiedere a che punto è la notte…

Bisogna, come sempre, partire dalla situazione sul terreno. Quello che vediamo oggi è che Putin ha ancora delle ambizioni piuttosto forti di consolidamento nel Donbass, per creare la famosa continuità territoriale con la Crimea. Però non basta, perché le sue intenzioni non sono molto chiare su zone come, ad esempio, quelle a ovest che conducono alla Transnistria. Direi che è prematuro azzardare previsione.

E l’Ucraina?

Anche dal loro punto di vista è prematuro capire che cosa succede e che cosa vuole il presidente Zelensky. Ritengono di avere ancora molto da difendere e stanno perfino ipotizzando una controffensiva. Siamo in un momento di attrito in cui parlare di negoziati effettivi è prematuro. 

Chi deve parlare per primo? La Nato?

Sono gli ucraini a doverci dire che cosa vogliono fare, che cosa ritengono negoziabile e che cosa invece no. Una volta fatto questo, bisogna anche capire quali sono le volontà di Putin per un eventuale cessate il fuoco. I buoni uffici, ad esempio, della Turchia sembrano essere molto utili. Ma sono, appunto, buoni uffici, che non hanno alcuna valenza pratica. 

Che cosa rischiamo?

Che la situazione si cristallizzi a livello negoziale, che nessuno voglia fare la prima mossa e che il conflitto si prolunghi.

Potremmo vedere un coinvolgimento della Nato?

Direi proprio di no: la prima regola d’ingaggio dell’Occidente è che non ci deve essere il confronto diretto. E questa regola continua a essere vigente, dunque questo esclude soluzioni radicali. Mi sembra che al momento il mix tra sanzioni economiche e invio di forniture militari all’Ucraina stia funzionando, perché sembra far pagare a Putin un prezzo piuttosto alto per questa guerra.

Quali sono i rischi più gravi che vede all’orizzonte?

Più che un’escalation di armi, vedo la possibilità di un allargamento del conflitto in scenari ulteriori, come il Mali, la Bosnia Erzegovina, il Caucaso. Sono tutte realtà dove si possono provocare incidenti, riacutizzando tensioni latenti che costringerebbero a spostare l’attenzione occidentale dall’Ucraina, meno probabile un confronto diretto con la Nato e i Paesi attuali che ne fanno parte. 

Dicendo “attuali” esclude automaticamente Svezia e Finlandia?

No, ma non bisogna confondere la lotta sul campo con la tattica geopolitica del futuro. L’adesione dei due Paesi nordici alla Nato, rispettabilissima, avviene perché temono un attacco da parte della Russia. Fa parte del gioco futuro e del mondo di domani con cui dovremo confrontarci anche quando il conflitto in Ucraina si sarà chiuso. 

Per quanto riguarda le armi, ora si parla di laser impiegati dall’esercito di Mosca: siamo in una nuova fase?

Mah, mi lascia molto tiepido il tentativo di fare differenze tra armi offensive e difensive. L’unica cosa che mi sembra evidente è che si tenta in ogni modo di evitare l’invio di armi a lunga gittata, perché queste potrebbero essere impiegate per arrivare in territorio russo, dando vita a un’escalation che nessuno vuole.

C’è un rischio nucleare, seppur tramite l’impiego di armi “tattiche”?

Partiamo dall’assunto che è vero che si tratta di ordigni a carica molto bassa e a valenza locale. Ma stiamo sempre parlando di armi nucleari. Io penso che nemmeno Putin possa spingersi così in là, perché deve sempre fare un discorso tra costi e benefici e l’impiego di questo tipo di strumenti bellici avrebbe un prezzo altissimo. 

Nella prossima pagina: la strategia di Atlantia e l'opa di Edizione con Blackstone

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    massolo





    in evidenza
    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    Ultimi scatti prima dello schianto

    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    
    in vetrina
    Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo

    Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo


    motori
    Alfa Romeo presenta il nuovo store online

    Alfa Romeo presenta il nuovo store online

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.