A- A+
Esteri
"Sostanze tossiche sconosciute lanciate da droni". Mariupol, la città martire

Guerra Russia Ucraina, Pentagono: "Da Mariupol notizie preoccupanti"

La guerra in Ucraina continua senza sosta. Le truppe di Putin adesso stanno concentrando i loro attacchi sul Donbass e puntano a conquistare definitivamente la città martire di Mariupol. Proprio dalla località che affaccia sul Mar d'Azov arrivano notizie sempre più allarmanti. A Mariupol, i russi hanno usato "una sostanza sconosciuta" contro militari e civili: lo ha denunciato la presidente della commissione parlamentare per l'integrazione dell'Ucraina nell'Ue, Ivanna Klympush. L'esponente politica ucraina ha aggiunto che la Russia ha "molto probabilmente" usato "armi chimiche" e che le vittime stanno avendo problemi di "insufficienza respiratoria". Secondo il battaglione Azov, su Telegram, la sostanza velenosa è stata rilasciata da un drone.

"Oggi le forze d'occupazione hanno emesso un nuovo comunicato che dimostra la preparazione di una nuova fase di terrore contro l'ucraina e i nostri difensori". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo video da Kiev. Zelensky ha rilanciato la preoccupazione che la Russia usi armi chimiche in Ucraina. Uno dei loro portavoce "ha affermato che potrebbero usare armi chimiche contro i difensori di Mariupol. Prendiamo queste parole il più seriamente possibile", ha detto. "Voglio ricordare ai leader del mondo che il possibile uso di armi chimiche da parte dell'esercito russo è già stato discusso", ha aggiunto.

Il Pentagono ha spiegato di essere a conoscenza di notizie sui social media che affermano che le forze russe hanno schierato una potenziale arma chimica a Mariupol, "ma - ha detto il portavoce John Kirby - non siamo in grado di confermarle, continueremo a monitorare la situazione". "Queste notizie se vere sono profondamente preoccupanti e riflettono i timori che abbiamo avuto sul potenziale della Russia di utilizzare in Ucraina gas lacrimogeni mescolati ad agenti chimici".

Leggi anche: 

" L'ombra della Frexit sull'ascesa di Le Pen: per l'Ue stangata da 25 mld l'anno

Elezioni Francia: oltre il 50% contro Macron. Le Pen punta i voti a Mélenchon

Francia, Pasquino: "Rivincerà Macron. Boom antipolitico? Fa bene a Fratoianni"

Francia, "Berlusconi voterebbe Macron al ballottaggio". E tu? Di' la tua

Fassina (Leu): "Extra profitti solo scalfiti. E' qui che bisogna attingere"

Bianca Berlinguer dà spazio a Orsini: pugnalata alla lezione del padre Enrico

Ucraina, Mulè (Difesa): "Borrell? Non si può combattere all'infinito"

L'Ucraina si appresta a diventare il Libano del nuovo millennio

Francia, proteste in strada a Rennes dopo l'esito del voto. VIDEO

Banca Generali, a marzo raccolta netta totale a €480 milioni

Unipol Gruppo, con UnipolMove entra nel mercato del telepedaggio

Enit, presentata una nuova immagine corporate. Rinnovata la brand identity

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.