A- A+
Politica
Ucraina, Mulè (Difesa): "Borrell? Non si può combattere all'infinito"
Giorgio Mulè,

"L'unica soluzione è arrivare a una pace con la Russia, senza però sguarnire soprattutto in questo momento la prima linea. E' cioè necessario, in questa fase, aiutare l'Ucraina anche con mezzi militari per difendersi dall'aggressione della Russia. Si tratta di un'azione coordinata: insieme alla deterrenza delle armi deve esserci necessariamente il dialogo. Un negoziato serrato serve per arrivare come primo obiettivo al cessato il fuoco. La guerra non si risolve combattendo all’infinito, ma in questa fase va sostenuta l'Ucraina per non farla soccombere". Con queste parole il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè, intervistato da Affaritaliani.it, commenta le parole durissime dell'Alto rappresentante della politica estera Ue Josep Borrell, secondo il quale "questa guerra sarà vinta sul campo". Affermazione che ha scatenato la protesta di Mosca.

L'incontro tra il cancelliere austriaco Karl Nehammer e il presidente Vladimir Putin può essere utile? "Tutto può essere utile, anche le azioni di stati che hanno una neutralità temperata o assoluta come l'Austria. La direzione è quella della ricerca della pace, ben venga quindi la missione del cancelliere Nehammer".

L'Italia è pronta ad accogliere Svezia e Finlandia nella Nato? "Il principio dell'alleanza è quello dell'autodeterminazione. Un'adesione non si decide su due piedi, anche se non c'è un no preventivo a paesi democratici e a democrazie mature. Non si entra nella Nato dall'oggi al domani, la richiesta di adesione viene accolta solo con l'unanimità di tutti i paesi dell'alleanza. Se solo uno dei 30 paesi della Nato si oppone, si blocca tutto come prevede l’articolo 10 del trattato".

E infine i rapporti con la Russia. Con Putin il dialogo è chiuso per sempre, come dice il primo ministro britannico Boris Johnson, o una volta raggiunta la pace in Ucraina si può riaprire un canale con Mosca? "La pace serve anche per tornare al dialogo. I rapporti si possono interrompere in modo violento: è come il caso di un infarto, ma se dopo c'è la capacità di curare il danno con i bypass, il dialogo riprende nel rispetto delle reciproche posizioni. Nessuna chiusura, dunque, la pace serve anche per ricominciare ad avere rapporti sulla scorta di quanto accaduto con relazioni nuove e diverse. La pace va cercata in modo ostinato instaurando un nuovo dialogo con Mosca", conclude Mulè.

Leggi anche: 

"Governo, Draghi lascia (a breve). Elezioni dopo l'estate. Quasi fatta

Guerra Ucraina, conta solo la Russia. Occhi chiusi su altri regimi e dittature

Sondaggio, chi premier dopo le elezioni? I risultati. Classifica e tabella

Pd, in arrivo il nuovo libro di Bettini: è attesa la "bomba" sul partito

Pace o condizionatori? La terza via: che Draghi andasse via!

Guerra Ucraina, la Cina teme conflitto con gli Usa e accelera sul nucleare

Vino Made in Italy, fatturato record a 13 miliardi di euro

Casellati: "Gian Paolo Pasolini". No comment

BPER Banca, Mandelli: “Il mercato dei capitali è una sfida"

Gruppo FS Italiane: nuovo Parkin’ Station per la Stazione Centrale di Milano

Commenti
    Tags:
    giorgio mulè guerra ucraina russia





    in evidenza
    Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

    La confessione intima

    Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

    
    in vetrina
    Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina

    Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina


    motori
    Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

    Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.