A- A+
Esteri
Ucraina, da inizio guerra oltre 350 bimbi uccisi. Intesa finale sul grano

Ucraina, da inizio guerra oltre 1000 bimbi uccisi o feriti: 352 morti, 657 feriti

Oltre 1.000 bambini sono morti o sono rimasti feriti in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa: lo ha reso noto l'ufficio del procuratore generale del Paese, secondo quanto riporta Ukrinform. Nel complesso, i bambini rimasti uccisi sono ad oggi almeno 352, mentre i feriti sono almeno 657, per un totale di 1.009.

Dall'inizio della guerra i russi hanno colpito 17.300 obiettivi civili e poco meno di 300 militari. Lo ha detto il vice ministro dell'Interno Yevhen Yenin citato da Ukrainform. "Di recente, abbiamo visto attacchi mirati su oggetti civili. Ho chiesto specificamente un rapporto riassuntivo su quanti missili russi abbiano colpito obiettivi militari e quanti civili per fare un confronto: dall'aggressione, ci sono stati 17.314 attacchi su obiettivi civili e poco più di 300 colpi su obiettivi militari", ha dichiarato Yenin in un intervento alla tv Ucraina.

Mosca, a breve documento finale sull'esportazione di grano

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che a breve sarà pronto un "documento finale" per sbloccare l'esportazione di grano dai porti ucraini sul Mar Nero, dopo i negoziati che hanno coinvolto Mosca, Kiev, Ankara e l'Onu questa settimana. "Le proposte della Russia sono state generalmente sostenute dai partecipanti alle consultazioni. E molto presto il lavoro di stesura del documento finale, 'The Black Sea Initiative', sarà completato", ha affermato il portavoce del ministero, Igor Konashenkov, in un video diffuso dallo stesso dicastero.

Ucraina, attaccate due università,  il governatore Vitali Kim: è terrorismo

Attacchi russi contro due università nella città di Mykolaiv, nel sud dell'Ucraina. "Oggi la Russia terrorista ha attaccato le due università più grandi di Mykolaiv. Almeno dieci missili. Ora attaccano la nostra istruzione. Chiedo alle università di tutti i Paesi democratici di definire la Russia per quello che è, terrorista", ha scritto su Twitter il governatore Vitali Kim.  Il sindaco della città, Oleksandr Sienkevych, ha confermato che i soccorritori sono al lavoro e che ci sono almeno due feriti. "Questa volta - ha denunciato via Telegram - hanno colpito intorno alle 7.50 ora locale, sapendo bene che c'è molta gente in strada in quel momento. Veri terroristi".

Ucraina, il sindaco di Mykolaiv annuncia oltre 10 esplosioni in città

Più di 10 potenti esplosioni sono state avvertite questa mattina a Mykolaiv, nell'Ucraina meridionale. Lo ha dichiarato il sindaco Oleksandr Sienkievych, sul proprio canale Telegram. "L'allerta aerea continua! Non lasciate case e rifugi! Vi informerò di tutte le informazioni importanti in seguito", ha scritto Sienkievych. L'allerta aerea è stata annunciata a Mykolaiv alle 7:47 locali, le 6:47 in Italia.

Ucraina, Zelensky: occorrono quanto prima nuove sanzioni contro la Russia

Nuove sanzioni dovrebbero essere introdotte quanto prima contro la Russia, poiché l'impunità dei "terroristi" incoraggia altri Paesi. Lo ha dichiarato ieri sera il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel consueto videomessaggio. Allo stesso tempo, il capo di Stato ha affermato che sono necessari anche un tribunale speciale per l'aggressione russa e un apposito meccanismo di risarcimento dei danni che indirizzi i fondi dello "Stato terrorista" - la Russia - a coloro che intende distruggere. Secondo Zelensky, è assolutamente necessario introdurre quanto prima tali restrizioni contro le esportazioni di energia russe, le quali "non consentiranno ai terroristi di coprire i propri costi a spese della comunità internazionale"

Ambasciata USA agli americani: "lasciate subito l'Ucraina" 

L'ambasciata americana a Kiev ha chiesto agli americani in Ucraina di "lasciare immediatamente" il Paese utilizzando mezzi di trasporto privato via terra se c'è la possibilità di farlo in sicurezza. Lo si legge su un avviso urgente sul sito dell'ambasciata. Si invitano inoltre gli americani a non partire per l'Ucraina e chi non riesce a lasciare il Paese è consigliato di evitare "assembramenti ed eventi organizzati che potrebbero essere considerati degli obiettivi da parte della Russia"

Downing Street: morto un volontario britannico

Paul Urey, un operatore umanitario britannico, era stato catturato ad aprile in Ucraina orientale e accusato di "attività mercenarie" dalle forze dell'autoproclamata repubblica filorussa di Donetsk è morto in detenzione "per malattia e stress". Morozova ha assicurato che nonostante la gravità dei reati imputatigli, gli è stata fornita tutta l'assistenza medica necessaria.

"Sono notizie chiaramente allarmanti e i nostri pensieri vanno ovviamente alla sua famiglia e ai suoi amici". Così un portavoce di Downing Street citato da Bbc a proposito della notizia che il britannico Paul Urey, catturato dai separatisti filorussi in Ucraina, sarebbe morto durante la detenzione

Ucraina: Tas Losanna conferma sospensione squadre calcio russe

Il Tas, Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna, ha respinto i due ricorsi presentati dalla federazione di calcio russa, uno contro la Fifa (CAS 2022/A/8708) e l’altro contro la Uefa, (CAS 2022/A/8709), di aver sospeso in data 28 febbraio tutte le squadre nazionali e i club russi dalla partecipazione di eventi sotto la loro egida a seguito dell’invasione militare in Ucraina.

Ucraina, atteso per oggi lo stop Ue all'oro russo 

L'Unione europea punterà alle esportazioni di oro russo nel prossimo pacchetto di sanzioni, come deciso dai Paesi del G7 alla fine di giugno. Lo ha annunciato il vice presidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, all'arrivo alla riunione informale dei ministri degli Affari europei. Cercherà anche di "chiudere le scappatoie" per coloro che aggirano i precedenti round di sanzioni europee contro Mosca.

L'Ue ha finora adottato sei pacchetti di sanzioni, tra cui l'embargo sulla maggior parte del petrolio russo entro la fine dell'anno. L'Ue esaminerà "come imporre sanzioni all'oro, che è un'importante materia prima di esportazione per la Russia", ha spiegato Sefcovic. "Non appena raggiungeremo un accordo a livello di Stati, le pubblicheremo", ha annunciato. La proposta delle nuove sanzioni da parte della Commissione europea, di cui l'embargo sull'oro sarà la misura principale, è attesa per oggi. Gli ambasciatori Ue dovrebbero riunirsi lunedì sera a Bruxelles "per adottarlo immediatamente", ha detto un diplomatico.

Gli Stati Uniti hanno già attuato l'embargo sull'oro di nuova estrazione in Russia a fine giugno, poco dopo il vertice dei Paesi del G7 in Germania che avevano concordato la nuova misura, al fine di prosciugare il finanziamento dello sforzo bellico russo. L'oro è "una delle principali fonti di esportazione, che priverà la Russia di miliardi di dollari", ha affermato il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, al vertice. "Ci auguriamo che il prossimo pacchetto di sanzioni, il settimo, abbia un forte impatto e venga adottato il prima possibile", ha affermato ieri la vice premier ucraina Olga Stefanishyna, presente all'incontro a Praga.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    guerra ucrainamissilirussiaterza guerra mondialeucraina





    in evidenza
    Chiara Ferragni e Alexander Zverev? I tre indizi sul flirt con il tennista

    Guarda le foto

    Chiara Ferragni e Alexander Zverev? I tre indizi sul flirt con il tennista

    
    in vetrina
    Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

    Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna


    motori
    BYD SEAL U DM-i: il primo suv PHEV di BYD arriva in Europa

    BYD SEAL U DM-i: il primo suv PHEV di BYD arriva in Europa

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.