A- A+
Esteri
Ucraina, la verità della CIA: non ci sono prove che la Russia usi il nucleare

Ucraina, il capo della CIA Burns non ha detto che la Russia userà armi nucleari. Non ci sono prove

Lo riportano le agenzie di stampa, lo hanno titolato tutti i giornali: allarme CIA, “Putin è disperato, potrebbe usare le armi atomiche”. Ma è davvero quanto ha detto il 14 aprile scorso il numero uno dell’intelligence USA? Il 14 aprile il direttore della CIA William Burns ha parlato al Georgia Tech (Georgia Institute of Technology) sostenendo che la CIA non ha visto molte prove pratiche a sostegno della preoccupazione che la Russia usi armi nucleari tattiche o a basso rendimento in Ucraina. Il discorso vale anche se con lo scenario attuale la minaccia per cui la Russia potrebbe utilizzarle armi nucleari non può essere presa alla leggera e va sempre tenuta in considerazione.

Testualmente: “Non abbiamo visto molte prove pratiche del tipo di schieramenti o disposizioni militari che rafforzerebbero questa preoccupazione”… ma “nessuno di noi può prendere alla leggera la minaccia rappresentata da un potenziale ricorso ad armi nucleari tattiche o armi nucleari a basso rendimento”.
Questo perché la Russia avrebbe circa 2.000 armi nucleari tattiche e a basso rendimento, quelle progettate per l'uso sul campo di battaglia, armi che possono essere consegnate da forze aeree, navali e di terra.
Il senso del discorso di Burns è ben diverso da quanto apparso nelle scorse ore. 

Guerra in Ucraina, l’analisi della CIA

In carica dal 19 marzo 2021, primo diplomatico di carriera a ricoprire il ruolo di direttore della CIA, Burns ha poi fatto un’analisi di quanto sta accadendo nella guerra e nello scenario geopolitico. Prima di tutto ha affermato che la CIA ha svolto un "ruolo critico" nello scenario di guerra, condividendo informazioni con gli alleati, comportamento che avrebbe cementato la solidarietà dell'Alleanza Atlantica, come non lo era prima del conflitto. Poi ha spiegato che Putin sembrava "convinto che questo inverno offrisse un panorama favorevole (per la guerra, ndr)".

Uno scenario condito, secondo Burns, dalla bassa preoccupazione di una reazione ucraina efficace. L'esercito russo sembrava capace di una vittoria rapida e decisiva a basso costo, approfittando anche del fatto che gli alleati europei degli USA sembravano distratti dalla loro politica interna ed erano contrari a correre eventuali rischi, sostenendo anche che l'economia russa avrebbe resistito alle possibili sanzioni, a causa delle grandi riserve di valuta estera possedute. Eppure Putin è stato “smentito sotto ogni punto di vista”, ha spiegato Burns. 

Commenti
    Tags:
    bombaburnsciaguerrakiev ucciso politico russonatonucleareputinrussiaservizi segretitatticaterza guerra mondialeucrainaucraini





    in evidenza
    Eleonora Riso trionfa a Masterchef 13: la cameriera "fuori dagli schemi"

    Chi è la vincitrice del cooking show di Sky

    Eleonora Riso trionfa a Masterchef 13: la cameriera "fuori dagli schemi"

    
    in vetrina
    Rose Villain rilancia dopo Sanremo 2024: da Click Boom! all'album Radio Sakura

    Rose Villain rilancia dopo Sanremo 2024: da Click Boom! all'album Radio Sakura


    motori
    Alfa Romeo celebra il primo 33 Stradale Day

    Alfa Romeo celebra il primo 33 Stradale Day

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.