A- A+
Esteri
Ucraina, lettera a Zelensky: ma lei che cosa ha fatto per evitare la guerra?

Guerra Russia-Ucraina, lettera aperta al presidente Volodymyr Zelensky in vista dell'intervento al Parlamento italiano

Egregio Presidente, nell’esprimere vicinanza al popolo ucraino per le immani sofferenze a cui è sottoposto da una imbarazzante (imbarazzante per tutti!) quanto crudele guerra, con estrema fiducia attendiamo da Lei finalmente parole di estrema chiarezza ad una determinante domanda: che cosa ha fatto Lei, nei tre anni di governo del popolo ucraino, per evitare la guerra?

Non servirà altro: l’Italia ha già dimostrato di essere vicina all’Ucraina (tanto da meritarsi la reprimenda russa) e al popolo ucraino (mai come in questa guerra si è voluto distinguere i popoli dai loro governanti) da non meritare nessuna arringa inutile, nessuna irriverente lezione sulla resistenza, nessun insulto sull’indifferenza o sulla sottovalutazione del dramma ucraino.

Eviti, per cortesia, la riproposizione di pedanti quanto irreali richieste: capiamo la sua difficoltà, ma continuare ad invocare la no fly zone significa una chiara perdita di lucidità, di ragionevolezza e di contatto con la realtà. Non spinga il mondo in una terza guerra mondiale ma, ad onore dei tanti caduti, delle vittime civili, della distruzione seminata barbaramente, spieghi al mondo cosa lei ed il suo governo avete fatto -dall’aprile 2019- per trovare un accordo con Mosca.

Molti punti a cui stanno lavorando le delegazioni russa ed ucraina per una possibile intesa sul cessate il fuoco - uno su tutti la neutralità dell’Ucraina con la rinuncia all’entrata nella NATO - costituivano il tema del contendere nel 2014. Perché, quindi, tutto ciò non poteva costituire una base di accordo (forse allora meno penalizzante per l'Ucraina) già nel 2019, 2020, 2021? Il mondo, Presidente Zelensky, vuol sapere questo.

Perché delle due l’una: o certe questioni erano irricevibili e lo continuano ad essere, oppure tutti quei morti potevano essere evitati: caduti inutili con responsabilità atroci! Nel momento in cui (e la cosa viene ripetuta ormai da giorni) Lei chiama il sig. Putin ad un tavolo per siglare una pace duratura, invocare l’arrivo di nuove armi appare bizzarro (per usare un eufemismo) persino strumentale. Vede, Presidente, la credibilità invoca ragionevolezza, coerenza ed un pizzico di umiltà.

È quello che le chiede tutto il mondo. Non gridi, non si stracci le vesti: tutti sappiamo le nefandezze di una guerra sporca, inumana e stupida come tutte le guerre. La demagogia ha superato ogni limite: adesso serve solo la pace. Subito! Ma serve anche di sapere, e lo vorremmo sentire dalle sue parole, perché tutto questo pandemonio (di cui sicuramente la Russia porta un’immane responsabilità) non poteva essere evitato.

 

Leggi anche: 

" Salvini: "Solo una squadra unita può aiutare gli Italiani a risollevarsi"

Sondaggio, Xi è il leader mondiale più influente. Secondo Biden, Draghi flop

Carburanti, c'è dietro il reato di aggiotaggio? Qualcosa non torna

Russia, Putin ha i giorni contati. Fine vicina (rischia di essere assassinato)

Guerra Ucraina? Quello che i media non dicono nel film di Stone del 2016

Putin, analisi lucidissima. Il discorso del 2011 che inchioda la Nato

Nozze "simboliche" per Berlusconi e Fascina, il momento del taglio della torta. VIDEO

Intesa Sanpaolo per l'inclusione delle persone con disabilità

FS Italiane, accordo con AdR per l'intermodalità sostenibile

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaterza guerra mondialeucrainazelensky





    in evidenza
    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

    Europee/ L'idea di Lancini

    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
    C'è la casella Stop utero in affitto

    
    in vetrina
    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


    motori
    Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

    Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.