A- A+
Esteri
Peskov: l'operazione speciale finirà presto. Razzi su stazione di Kramatorsk
Sul missile lanciato sulla stazione di Kramatorsk c'era questa scritta in russo, che significa "Per i bambini" (Lapresse)

Ucraina: Cremlino, operazione speciale potrebbe finire presto

Gli obiettivi dell'operazione speciale russa in Ucraina saranno raggiunti sia militarmente che nel quadro del processo negoziale e l'operazione speciale potrebbe essere completata "nel prossimo futuro", ha detto ai giornalisti il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov. "L'operazione continua, stiamo raggiungendo gli obiettivi. Si sta svolgendo un lavoro sostanziale sia militarmente, in termini di avanzamento dell'operazione, sia attraverso il negoziatori che sono in fase di trattativa con le controparti ucraine".

Guerra Russia-Ucraina, razzi sulla stazione ferroviaria: "Almeno 39 morti"

Attacco aereo sulla stazione di Barvinkove, la ferrovia utilizzata per evacuare gli abitanti di Sloviansk e Kramatorsk, nella regione di Donetsk. Il bilancio è di oltre 39 morti, tra cui almeno 4 bambini, e 100 feriti. "Per ogni vita uccisa, la Russia risponderà davanti alla legge", afferma Kiev. Mosca, però, nega il proprio coinvolgimento parlando di "provocazione" degli ucraini. Secondo alcune fonti, i missili dell’attacco sarebbero quelli dati in dotazione dalla Russia ai filorussi in Donbass. Continuano le indagini per verificare i fatti: è giallo per la scritta riportata su razzi stessi ”per i nostri bambini”.

Anche il ministero della Difesa russo si è espresso, dicendo che i frammenti del missile appartengono a un vettore “utilizzato solo dalle forze ucraine”. Intanto, è atteso per oggi a Kiev l’incontro tra Ursula Von der Leyen, Josep Borrel e Volodymyr Zelensky, accompagnato da altri leader ucraini. "La presidente Ursula von der Leyen porterà al presidente Volodymyr Zelensky e a tutti gli ucraini un messaggio di totale solidarietà da parte dell'Unione europea all'Ucraina di fronte all'invasione da parte della Russia”. Lo ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer.

Leggi anche: 

" Fisco, Ruffini smonta la Lega: il Carroccio in cerca di un'exit strategy

"Terza guerra mondiale ormai inevitabile". Ministro tedesco esce allo scoperto

Atlantia e carte bollate con Rcs: così Blackstone torna al centro del ciclone

Elezioni Francia, ora Marine Le Pen può vincere. Perché Macron rischia il ko

Robledo ad Affari: "Viola? Avevamo bisogno del Papa straniero a Milano"

Bisignani: "Una Verità davvero fantasiosa... Colombia? Non ne ho idea"

Fisco, rissa clamorosa in commissione Finanze. GUARDA IL VIDEO

Enel X: con Sicomoro per progetti di efficienza energetica

Protocollo Inail-FS, Ferraris: “Più cultura della sicurezza”

Rino Petino, così la Puglia parla di Prossimità 4.0 e di logistica del futuro

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainarazzivittime





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.