A- A+
MediaTech
Cacciari cita Affari: “Dati Aifa contraddittori, su vaccini nessuna chiarezza”

Otto e mezzo di Lilli Gruber è tornato in onda lunedì e ci ha già regalato delle puntate scoppiettanti, come quella trasmessa ieri, mercoledì 15 settembre. Gli ospiti della conduttrice erano Vittoria Colizza, Stefano Feltri, Luca Telese e Massimo Cacciari.

Il tema della serata era il Green Pass, argomento attualissimo per via dell’obbligo imposto dal Governo ai lavoratori, in vigore dal 15 ottobre per i settori pubblico e privato. Interrogato nel merito, il filosofo si è detto contrario a causa della disinformazione che serpeggia attorno ai vaccini. “Ma l’obbligo non riguarda i vaccini” replica Gruber “riguarda solo il Green Pass per entrare al lavoro”.

“Ma l’obbligo di Green Pass comporta l’obbligo di vaccino” incalza Cacciari “altrimenti bisogna vivere di fianco a una struttura che ti tamponi ogni 2 giorni. Quindi di fatto è un obbligo, e va bene, almeno si assumono la responsabilità dei farmaci che ci iniettano e delle conseguenze”. 

LEGGI ANCHE: Aifa, 2 morti al giorno post vaccino. Ma i vertici non rispondono

“La nostra Costituzione” continua il professore “dice che l’obbligo di sottoporsi a trattamenti sanitari deve salvaguardare la dignità della persona che, cioè, deve essere perfettamente informata su ciò che le viene somministrato, e noi non lo siamo, vengono continuamente diffusi dati contrastanti”. 

A questo proposito, Cacciari cita “l’intervista del presidente dell’Aifa ad Affaritaliani che ammette l’incongruenza dei propri stessi dati di agosto” (si può ascoltare l’intervento nel video qui sotto e leggere l’articolo sui dati Aifa cliccando qui). 

“Io mi sono informato dei rischi che correvo e mi sono liberamente vaccinato” conclude il filosofo. “Ma il nostro governo non è autorevole perché non ha reso possibile il consenso informato per tutti”. 
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cacciarigruberotto e mezzo
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.