A- A+
MediaTech
Guerra di propaganda e d’immagine, gli 007 russi: “L’Ucraina ha già vinto”
Vladimir Zelensky

Guerra Russia Ucraina, gli 007 russi ammettono: Kiev ha vinto la guerra dell'informazione 

Dopo l'attacco a Kiev, a mandare in frantumi i piani dei russi è stato anche "il comportamento inaspettato di Zelensky, al quale nessuno era pronto". Lo scrive una presunta 'talpa' dell'Fsb, i servizi di sicurezza russi, in una nuova lettera inviata a Vladimir Osechkin, attivista dei diritti umani in esilio osservando come Mosca puntasse sulla sua presunta mancanza di credibilità, presentandolo come "un tossicodipendente e un comico": invece dal presidente ucraino è arrivato "un comportamento dissonante", da leader di un paese che combatte.

Il tutto, sottolinea, mentre in Russia "non avevamo una risposta simmetrica: Putin, mantenendo le distanze anche dalla sua cerchia più vicina, sembrava a qualsiasi osservatore esterno molto più 'perso' di Zelensky, e non avevamo nostre figure carismatiche per controbilanciare la trasmissione costante di personaggi ucraini". "Negli ultimi giorni la Russia ha costruito un proprio modello mediatico, ma era troppo tardi e inoltre nel campo dei media per definizione abbiamo più difficoltà rispetto a professionisti dello spettacolo", come Zelensky, conclude la 'talpa'.

UCRAINA: FONTI FSB, 'KIEV VINCE CON MEDIA E MILITARI, NOI SCONFITTI SU COMUNICAZIONE'

Se l'Ucraina ha fermato l'attacco di Mosca è perché ha "vinto la 'guerra dell'informazione'" ed anche perché "i militari hanno avuto il controllo delle decisioni": il risultato è che l'Occidente si "è costruito una immagine dell'Ucraina tale che non si può più pensare di fare pressione" su Kiev per arrivare a una sua resa. E' il quadro sconfortato fatto da una presunta 'talpa' dell'Fsb, i servizi di sicurezza russi, in una nuova lettera inviata a Vladimir Osechkin, attivista dei diritti umani in esilio. Nel documento - difficile da verificare ma ricco di dettagli giudicati credibili - si spiega che "in Russia si è persa la logica delle azioni: la gerarchia delle decisioni è stata minata dal basso e manca il necessario livello di analisi critica. Si ricorre a scelte avventuristiche in ambiti in cui non dovrebbero neppure essere considerate".

La fonte dei servizi lamenta come - se prima del conflitto si tendeva a considerare l'Ucraina come "un'altra Russia" e quindi a fare valutazione partendo da cio' - oggi "possiamo affermare che stiamo trattando con uno stato assolutamente differente, e quindi i nostri piani iniziali possono essere gettati nella spazzatura". A quanto pare, a giudicare da questo racconto, uno degli errori è stato ritenere che a Kiev il ruolo dei servizi di sicurezza (l'Sbu, equivalente dell'Fsb) fosse cruciale come lo è a Mosca. Invece l'azione dell'Sbu sarebbe stata - scrive la talpa russa - "primitiva e inefficace" mentre le forze armate hanno tenuto testa all'attacco russo. A questo va ad aggiungersi la mancata adesione di personaggi politici filo-russi che avrebbero dovuto invocare un cambio di governo e un accordo con i russi.

 

 

 

Leggi anche: 

" Guerra, "Esercito italiano pronto a difendere confini e democrazia"

Ucraina, rischio poliomielite, tubercolosi, HIV. Bomba parallela alla guerra

Green Pass e limitazioni, l’agonia continua per un altro mese

Guerra Ucraina, India e Brasile contro la Russia all'Aja per motivi diversi

L'Italia dei Giganti: George Labrinopoulos racconta i grandi degli anni 80-90

Usa, nuovo caso George Floyd: uomo morto nelle mani della polizia. VIDEO

Enel, lanciato l'innovativo sistema di stoccaggio "Second Life"

Edilizia, l’Italia è in ritardo sulla sicurezza antincendio?

"Sviluppo e Sostenibilità nel PNRR": Istituzioni e imprese a confronto a Roma

 

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    L'attacco a Fernando Alonso

    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


    motori
    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.