A- A+
MediaTech
"Un brand non deve esserci per forza": la rivoluzione dei social media manager

La gestione dei social è sempre più votata allo storytelling, con studio costante del target, pluralità dei canali, tone of voice e contenuti veicolati sulle diverse piattaforme, valorizzando al meglio il messaggio

 

Adattamento, studio costante del target, selezione dei canali, tone of voice e il supporto a un processo di "umanizzazione" delle aziende. Sono questi i capisaldi che caratterizzano i nuovi Social Media Manager secondo Chiara Landi, Head of digital marketing di Pro Format Comunicazione e Docente dei master area Marketing della 24ORE Business School, anche alla luce del report condotto in collaborazione con Hootsuite, partner della Scuola di Formazione.

Nel 2022 in Italia si è registrata una crescita pari al 5,4% dell’onboarding di nuovi utenti sulle piattaforme, alzando a 71,6% la percentuale di chi utilizza i social sul totale della popolazione. Secondo il report di WeAreSocial 2022 l’Italia fa registrare una media di sei differenti piattaforme fruite mensilmente dagli utenti Internet.

La pluralità di canali diventa, di conseguenza, un pilastro dell’attività del Social Media Manager nell’ottica di curare al meglio la presenza online delle aziende: nasce da qui la necessità di non disperdere l’efficacia del messaggio, ma di saper invece adattare lo stesso a seconda del mezzo impiegato. 

“Le evidenze certificano, ad ogni modo, quanto la multicanalità e l’utilizzo omogeneo delle piattaforme siano ormai elementi conclamati e una discriminante imprescindibile dell’attività giornaliera degli utenti sui social. La prima regola è adattare il messaggio al canale, dal copy al visual, senza copiare e incollare lo stesso post nelle diverse piattaforme. Senza una profonda conoscenza del mezzo in cui andiamo a pubblicare e senza sapere cosa cercano gli utenti, sarà molto difficile farlo correttamente”, ha spiegato Chiara Landi, Head of digital marketing di Pro Format Comunicazione e Docente dei master area Marketing della 24ORE Business School. “È fondamentale anche lo studio del target: cerchiamo di capire chi leggerà il nostro post su quel canale. Su Facebook ci aspettiamo un target più adulto, ma non solo. Anche se il target è lo stesso, su Instagram gli utenti saranno preparati ad una determinata tipologia di contenuto, su LinkedIn ad un’altra. Studiamo bene i target delle diverse piattaforme, ma anche il loro comportamento”.

Adattamento e studio costante del target sono quindi i primi elementi chiave per adattare un contenuto e veicolarlo al meglio nei diversi ambienti digitali. Un dato che emerge dal report di WeAreSocial e di cui tenere conto in questo senso è legato al tasso di utenti che si sentono rappresentati dall’advertising in cui si imbattono sui diversi canali. La media globale è del 17.3%, mentre l’Italia è nelle posizioni più basse di questa classifica con la percentuale di 8.2%. La multicanalità pone anche il bisogno di studiare e selezionare con cura i canali su cui posizionarsi.

Un altro caposaldo per adattare i contenuti alle piattaforme sta nel processo di “umanizzazione” delle aziende: questo si traduce in un approccio social più votato allo storytelling e che ben si presta, ad esempio, ad ambienti come TikTok

“Un altro concetto molto importante è quello del «non esserci»: se il pubblico o la nicchia di mercato non è presente su un social, non si è obbligati a seguire le tendenze e a pubblicare ovunque. In sostanza, un brand non deve esserci per forza, ma solo se serve e se la sua audience è presente. Continuità e tono di voce giocano allo stesso tempo un ruolo rilevante: il brand deve adattare il suo messaggio ai diversi canali, ma deve farlo mantenendo lo stesso tone of voice, per rimanere coerente ai valori che esprime”, ha spiegato ancora Landi. “Valutiamo attentamente quando un’azienda ha bisogno di essere «umanizzata». Un caso interessante? La founder di una nota azienda di pasta italiana che su TikTok racconta ogni giorno la sua vita nell’azienda di famiglia, le campagne pubblicitarie dell’azienda e la produzione della pasta. Su Facebook l’azienda continua a pubblicare, ma senza la presenza della figlia imprenditrice”.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
brandcorporate communicationsocial media managersole 24 ore





in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.