A- A+
Medicina
Cuore, prevenire infarto: 3 sintomi a cui fare attenzione

Cuore, prevenire infarto: 3 sintomi a cui fare attenzione. Se si presentano, bisogna immediatamente rivolgersi a un cardiologo

Il cuore è uno degli organi più importanti del nostro corpo ma anche tra i più soggetti a malattie se non si segue una vita sana e regolare. Brutte abitudini come il fumo o l'assenza totale di attività fisica possono mettere a serio rischio la salute di questo muscolo e portare a patologie gravi come infarto o ictus. Fortunatamente il cuore è in grado di avvisarci quando c'è qualcosa che non va. Gli esperti dell'Humanitas hanno infatti individuato alcuni campanelli d'allarme a cui fare attenzione per chi teme di avere problemi a cuore. Se si presentano si deve immeditamente rivolgersi a un cardiologo.

Cuore, prevenire infarto: 3 sintomi da non sottovalutare

E' importante per avere una diagnosi corretta che il paziente stesso sia in grado di raccontare con precisione sintomi e condizioni che si sono manifestati allo specialista. I tre sintomi di problemi al cuore sono:

  • Dolore al petto: un dolore toracico di tipo oppressivo (oppressione toracica), gravativo, trafittivo o urente, che può localizzarsi al petto, alle spalle o al dorso, che può irradiarsi al collo e ai denti, che dura per qualche minuto e che in genere si associa allo sforzo e a sudorazione intensa
  • Palpitazioni (battiti mancanti, irregolari o veloci). In generale, sporadiche palpitazioni non sono motivo di preoccupazione e possono essere un riflesso naturale del cuore. Tuttavia, se prolungate, non riconducibili ad eventi scatenanti o se associate ad importanti capogiri o addirittura a perdite di coscienza potrebbero essere indizio di una aritmia significativa.
  • Anomalie respiratorie, riferite come difficoltà respiratoria e affaticamento improvvisi, di nuova insorgenza, durante un’attività consueta che prima veniva ben tollerata

Cuore, esami diagnostici

Per la diagnosi al cuore il medico potrà prescrivere, tra i vari esami, un ECG dinamico secondo Holter delle 24 ore, ovvero la registrazione dell’elettrocardiogramma nell’arco di una giornata intera, durante la quale si è chiamati a segnare su una sorta di diario le attività svolte (lavoro, riposo, forti emozioni, eccetera) ed eventuali sintomi, un test da sforzo che potrebbe rilevare comparsa di sofferenza cardiaca durante attività fisica e un ecocardiogramma, esame a ultrasuoni che consente di valutare le dimensioni cardiache, l’efficienza della funzione contrattile e l’aspetto delle strutture valvolari.

Il cardiologo in base alle informazioni raccolte potrà avere un quadro clinico più preciso e approfondito. Se si sospetta la presenza di una malattia cardiaca è possibile che vengano richiesti ulteriori esami più approfonditi di secondo livello come la TAC coronarica o la coronarografia che prevede un breve ricovero ospedaliero.

Leggi anche:

 

Stress mentale, rimedi naturali: le mandorle migliorano la risposta del cuore

Malattie renali croniche, patologie per oltre 4,5 milioni di italiani

Bonus celiachia 2022: fino a 1.500 euro per la spesa, come ottenerlo

Limone-colesterolo alto: come usare gli agrumi per pulire le arterie

Commenti
    Tags:
    cuoreinfartomedicinasalute




    in evidenza
    Affari in rete

    MediaTech

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.