Roma, 30 set. (Adnkronos) - La Procura di Roma ha chiuso le indagini sulla morte di Libero De Rienzo, trovato senza vita nella sua abitazione in zona Madonna del Riposo a Roma lo scorso 15 luglio. Il pm Francesco Minisci, titolare del fascicolo, nell’avviso di conclusione delle indagini, atto che prelude di solito alla richiesta di rinvio a giudizio notificato al gambiano Mustafa Minte Lamin, di 32 anni, gli contesta le accuse di detenzione, cessione di stupefacenti e morte come conseguenza di altro reato. L’uomo, attualmente in carcere, è accusato di aver ceduto droga oltre all’attore anche ad altre 5 persone. Il reato di morte come conseguenza di altro reato viene con contestato alla luce del nesso emerso tra la cessione dell'eroina e il decesso dell'attore.

in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

motori
Volkswagen ID.5 e ID.5 GTX, il SUV coupé 100% elettrico arriva in Italia

Volkswagen ID.5 e ID.5 GTX, il SUV coupé 100% elettrico arriva in Italia

i più visti
i blog di affari
Green Pass, non è scienza se censura l'interlocutore
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.