dettaglio - Affaritaliani.it

Roma, 13 ott. (Adnkronos Salute) - La One Health non è conosciuta ma dovrebbe essere diffusa nelle scuole. Il 78% degli studenti non ha mai sentito parlare della strategia globale basata sull’interconnessione tra la salute di uomini, animali e piante. E’ un dato leggermente migliore rispetto all’83% del campione più adulto (18-65 anni). Anche se l’88% dei ragazzi non conosce  progetti in quest’ottica, 9 su 10 ritengono che la propria scuola dovrebbe interessarsi a questa strategia globale. Sono alcuni dei risultati dell’indagine nazionale ‘Scuola e One Health’, diffusa oggi a Roma, all’evento di presentazione del percorso ‘One Health-Scuole in azione’  nel corso della terza edizione del ReWriters fest. Realizzata su un campione di 600 studenti e studentesse tra i 16 e i 18 anni, rappresentativo per sesso e area geografica, la survey nazionale è stata svolta nel mese di settembre 2023 con metodo Cawi. I dati sono stati confrontati con i risultati di una precedente indagine sulla percezione della One Health realizzata a marzo 2023 nella popolazione 18-65, per cogliere in che misura le conoscenze e le rappresentazioni dei giovani si differenzino da quelle degli adulti. Le survey si inseriscono nel percorso ‘One Health Project’ promosso dall’Esg Culture Lab di Eikon Strategic Consulting Italia Società Benefit e da Healthware Group con il sostegno di Fondazione Msd come main sponsor e dell’Azienda ospedaliera SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria come supporter.A differenza dell’approccio One Health - evidenzia l’indagine - l’87% ha sentito parlare a scuola dell’Agenda 2030 e degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Emerge soprattutto la centralità del riciclo. I riferimenti alla sfera sociale sono marginali e riferiti all’area della salute, il riciclo e il collegamento con la salute rimandano all’importanza della circolarità, ma non emergono riferimenti espliciti spontanei all’interdipendenza tra umani e non umani nella visione della sostenibilità. Anche se studenti e studentesse non conoscono la One Health, stimolati a rifletterci, mostrano una forte adesione a questa visione. Il 55% crede che il benessere di esseri umani, animali, piante e ambiente sia strettamente dipendente, un dato tuttavia inferiore rispetto alla popolazione 18-65 (75%). Gli scettici sono pochi, ma superiori alla popolazione generale (13% vs. 4%). Il 51% ritiene che che ognuno debba impegnarsi nella cura integrata, ma rispetto al campione 18-65, i più giovani attribuiscono una maggiore importanza al ruolo della politica (33% vs. 26%).La survey ha anche esplorato le rappresentazioni spontanee di umani, animali, piante e ambiente e della loro relazione reciproca. L’immaginario sugli umani è molto negativo, dominato da un’intelligenza che si associa a distruzione, stupidità ed egoismo. Gli animali, le piante e la natura incarnano invece la positività e la bellezza, minacciate dall’agire umano. Queste rappresentazioni non generano però atteggiamenti fatalisti o disimpegno. Emerge al contrario una forte propensione alla prevenzione. Studenti e studentesse sembrano disposti a cambiare il proprio stile di vita, sia per migliorare la salute di se stessi e degli altri (85%), che quella di animali (82%) e di piante e ambiente (82%). In questo contesto,  quasi 9 su 10 ritiene che anche la scuola dovrebbe impegnarsi nell’educare alla prevenzione e ai corretti stili di vita.La One Health si conferma come un approccio di riferimento anche rispetto ad obiettivi concreti come l’attivismo, l’antibiotico-resistenza e l’alimentazione sana. Rispetto al campione 18-65, nei più giovani emerge una maggiore attenzione ai problemi legati all’agricoltura intensiva. Nonostante il ritratto distruttivo dell’agire umano, studenti e studentesse, sembrano credere nell’importanza delle persone e delle relazioni come fonte di benessere. Per stare meglio, il 43% sceglie di passare più tempo con gli amici, mentre il 41% del campione 18-65, preferisce passare più tempo nella natura e il 55% ritiene che questo approccio sia utile nella prevenzione di nuove malattie. Inoltre, il 28%, rispetto al 18% degli adulti,  si preoccupa che vengano create condizioni migliori per gli esseri umani. Infine, il 47% pensa che le tecnologie digitali diventeranno fondamentali per prendersi cura di umani, animali, piante e ambiente. Un dato nettamente superiore al 33% espresso dal campione degli adulti.Tra gli studenti e le studentesse delle scuole italiane - conclude l’indagine - in questo momento sembra esserci un terreno molto fertile per un nuovo approccio sistemico e collaborativo alla salute, che valorizzi la One Health come nuova visione e strategia per un futuro sostenibile, con un consenso molto ampio. Le aree di scetticismo sono marginali ma più significative che nella popolazione 18-65. Un’azione di formazione in grado di coinvolgere e motivare si conferma quindi fondamentale per non dissipare un patrimonio importante di fiducia nella possibilità di generare una nuova relazione positiva tra mondo umano e non umano.






in evidenza
Meloni "mai vista così", Giorgia ritrova il sorriso dopo il caso Giambruno

Politica

Meloni "mai vista così", Giorgia ritrova il sorriso dopo il caso Giambruno

in vetrina
Philip Morris Italia e PM MTB: ottenuta certificazione per la parità di genere

Philip Morris Italia e PM MTB: ottenuta certificazione per la parità di genere

Gli Scatti d’Affari

BPER Banca e D.i.Re, al via la campagna “Insieme per le donne”

Gli Scatti d’Affari

Intesa Sanpaolo, Gallerie d’Italia presenta “Napoli al tempo di Napoleone”

Gli Scatti d’Affari

Poste Italiane, arrivano le nuove divise per i portalettere di Milano

Gli Scatti d’Affari

Just Eat e Delivery Valley insieme per svelare le 4 tendenze food emergenti

Gli Scatti d’Affari

Skyscanner: il 49% degli italiani sceglie una destinazione per motivi culinari

Gli Scatti d’Affari

Affaritaliani.it media partner del Salone dei pagamenti 2023

Gli Scatti d’Affari

McDonald’s, arriva a Solaro il McDonald’s Job Tour

Gli Scatti d’Affari

Rossopomodoro, inaugurato il nuovo locale a Milano

Gli Scatti d’Affari

Pulze alla Festa del Cinema di Roma: i momenti più glam

Gli Scatti d’Affari

Kartell e Mattel: a Natale il nuovo progetto in collaborazione

Guarda gli altri Scatti
motori
Nuovi Dacia Duster, più robusto, deciso ed ecologico

Nuovi Dacia Duster, più robusto, deciso ed ecologico

I sondaggi di AI

Ciao Darwin, guerra tra Libero e Repubblica. Il programma è troppo sessista? Vota


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.