A- A+
Politica
Emilia Romagna, a Schlein la delega sulla prevenzione: la delibera che la inchioda
Elly Schlein, Irene Priolo e Stefano Bonaccini

Alluvione Emilia Romagna, ci fosse qualcuno che riesca a mettere in fila un discorso onesto e realistico sulle dinamiche e le responsabilità di governo del territorio regionale. Il governo Meloni più che un Commissario all'alluvione deve nominare un Commissario alla chiaroveggenza contro il clima? Che i consigli del compagno Mao possano servire agli ex comunisti?

 

Lavorare bene e avere 16 morti, migliaia di persone devastate e mezza regione in ammollo per 300 millimetri di pioggia caduti in poche ore, quando in un territorio anch’esso figlio delle paludi come il Veneto ne hanno

contenuti 715 millimetri in un tempo simile, sarà segno dei tempi. 

 

Elly Shlein si è giustificata sul disastro in Emilia Romagna asserendo di non essere mai stata assessora all'Ambiente in Emilia-Romagna: “Io ero assessora al welfare e al clima. Assessora all’ambiente era un’altra persona che, peraltro, ha lavorato molto bene”, parlando di Irene Priolo. Una verità a metà perché dalla delibera della giunta regionale dell'Emilia Romagna, guidata da Stefano Bonaccini, che Affaritaliani può mostrare, (la numero 21 del 28/02/2020) si dice chiaramente che il “coordinamento interassessorile delle politiche di prevenzione e adattamento ai cambiamenti climatici e per la transizione ecologica era una sua delega, non dell'assessore Priolo. Dal 2020 al 2022, la neo segretaria del Pd nazionale Schlein doveva occuparsi di coordinare la prevenzione, questo si intende per “patto per il clima” come delega, si scrive nella delibera.

 

 

 

 

Schlein deleghe ER 2
 

 

Schlein deleghe ER
 

Il braccio cosiddetto “armato” invece era ed è Irene Priolo, in veste di assessora all'“Ambiente, Difesa del suolo e della costa, Protezione civile”, poi diventata vice presidente subentrando alla Schlein.

Se per chi vive nella bolla del potere è colpa del fato e del cambiamento climatico per gli altri arriva sempre la conta dei danni e delle vittime, il tempo delle riflessioni e delle responsabilità. Per fortuna qui viaggiamo in acque sicure con la buona amministrazione emiliano romagnola, e che è pure “donna”, giusto? La Schlein non farà lo scaricabarile con una supercazzola come ha sempre fatto la politica. Tra lei, ex vicepresidente della regione Emilia Romagna, Bonaccini e Priolo, attuale assessora alla gestione del suolo, chi ne uscirà meglio nella gara alla giustificazione sull'alluvione?

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alluvionebonaccinicambiamenti climaticideliberaemiliafiumilamoneprevenzioneprioloresponsabilitàromagnasanternoschlein





in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


motori
Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.