A- A+
Politica
Cultura di destra? Servono avanguardie
Giorgia Meloni

La cultura di destra è oggi solo ripresentazione del pensiero di ieri, non vi è nulla di nuovo

Si è tenuto a Roma presso l’Hotel Quirinale gli stati generali della cultura nazionale: “Pensare l’immaginario italiano. Il giorno seguente da Lilly Gruber la puntata era dedicata a cultura e Destra dove in collegamento avevamo l'on. Zan e la direttrice del museo sull?Egitto di Torino. In studio con la conduttrice ecco Massimo Giannini con Edo Sylos Labini. Tra le diverse domande della Gruber ai suoi ospiti “ma è vero che in Italia c'è una egemonia culturale di sinistra?”. A questa semplice domanda a destra si risponde con un urlo SI. 
Ma la risposta è sbagliata, e stupida e dimostra la mancanza di leggere la realtà:
 la cultura che a destra chiamiamo di sinistra è da decenni la cultura della società. 
Cosa rimane a livello sociale della cultura di destra? Il sentimento verso la vita normale, semplice e naturale. Per le persone è l'istinto a dettare questo pensiero e non certo un lavoro culturale di destra. Proviamo a fare qualche esempio:
La guerra in corso: 
il mondo della destra è essenzialmente contro, inoltre a destra non si è mai stati realmente a favore della Nato e l'adesione (nel passato) si è sempre presentata in relazione alla paura del comunismo. La Nato è sempre stata e sempre sarà strumento degli Stati Uniti per gestire e controllare l'Europa e il mondo. Allo scoppio della guerra diverse figure del mondo identitario hanno manifestato la loro contrarietà. Ma quale sarebbe l'alternativa? Nessuna. Perchè? Semplicemente non si è mai pensata una strategia che ponesse il paese in una condizione di poter scegliere di non partecipare a una guerra o a una azione voluta dalla Nato (pesiamo ai bombardamenti su Belgrado). 
matrimoni omosessuali: 
il secondo esempio sono i matrimoni omosessuali, la percezione naturale delle persone è di essere contro, di non volerli. La cultura dominante al contrario li vede come un diritto normalissimo e assolutamente da disciplinare (come è stato fatto). Il mondo della destra sarebbe contrario ma come potrebbe difendere la sua posizione a livello culturale quando a destra si vive senza dare valore al matrimonio? L'esempio a destra è che il matrimonio non è “per sempre”, sopratutto si pensi senza ipocrisia come a destra si parla di famiglia ma poi, nella realtà, l'esempio è sostanzialmente “divorzio e amante”. A destra ci si delegittima da soli. 
Sono due esempi semplici e ve ne sarebbero moltissimi. La cultura di destra manca  sia come presentazione di una alternativa di pensiero a quella dominante che come esempio sociale. 
A Roma, come si è detto, ci sono stati gli stati generali della cultura di destra. Noi del Talebano crediamo che si sia fatto un buco nell'acqua in quanto nessuno dei presenti era avanguardia culturale. La società in cui viviamo vive di sesso (virtuale) e materialismo e nessuno dei presenti ha scritto o presentato un pensiero che non fosse di tipo reazionario su argomenti di attualità. Ecco il problema. La cultura di destra vive con il torcicollo. Nel primo mezzo secolo del '900 a destra si era avanguardie, si era aristocratici nel pensiero e non piccoli borghesi reazionari. Si era liberi e non degli arricchiti individualisti. Si era giovani e non passatisti. 
La cultura di destra è oggi solo ripresentazione del pensiero di ieri, non vi è nulla di nuovo. È una continua commemorazione di ciò che fu. Non vogliamo fare i presuntuosi ma la realtà è quella descritta.
Tra il 2012 e il 2015 in Italia sono nate diverse associazioni, molti laboratori culturali riconducibili a destra ma a Roma non erano presenti. Perchè? 
I nomi di uomini/ragazzi tra i 25 e i 30 anni che hanno in questo ultimo decennio scritto libri interessanti, diversi, provocatori non mancano, anzi a destra i giovani ci sono e producono tanto ma sono poco considerati perchè non appartengono alla nomenclatura della destra. Iscriviti alla newsletter

Tags:
destra





in evidenza
La verità su Panariello e Pieraccioni al Festival 2025

Carlo Conti a Sanremo

La verità su Panariello e Pieraccioni al Festival 2025


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna


motori
La Nuova MINI John Cooper debutta alle 24 ore del Nürburgring

La Nuova MINI John Cooper debutta alle 24 ore del Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.