A- A+
Politica
FdI "derubrica" Berlusconi, Tajani-Esteri. Ministri, nomi (colpi di scena)
Berlusconi Meloni
Lapresse

Governo, Nordio-Giustizia quasi fatta. Interno alla Lega, non solo Piantedosi in corsa. Ecco i nomi


"Data la gravità del momento e l'importanza delle decisioni da assumere per il futuro del nostro Paese, pensavo di dover dedicare il mio tempo a cose più importanti che a rettificare interpretazioni distorte e francamente ridicole del mio pensiero". L'intervista di questa mattina al Corriere della Sera di Silvio Berlusconi viene registrata con moderata soddisfazione ai piani alti di Fratelli d'Italia. Un audio, quello diffuso e contenente le parole dell'ex Cavaliere su Putin e Zelensky, che per il leader di Forza Italia è del tutto "fuori contesto, diffuso senza conoscere il senso globale delle mie parole, con il solo scopo di diffondere calunnie e disinformazione".

Insomma, una toppa. Arrampicandosi sugli specchi Berlusconi cerca di rimediare al danno, a quelle parole pronunciate davanti ai deputati azzurri (con tanto di applausi) che sposano in pieno la linea del Cremlino sulla guerra in Ucraina. "Non abbiamo alcun dubbio. Gli uomini e le donne di Forza Italia e gli atti parlamentari, sia a Roma sia in Europa, confermano il loro posizionamento in Europa, nella Nato e nell'Occidente", sottolineano fonti qualificate di FdI. Che confermano, Sergio Mattarella permettendo, la casella di ministro degli Esteri per Antonio Tajani. "E' stato presidente del Parlamento Ue, è vice-presidente del PPE e si è sempre espresso contro l'invasione russa. Nessun veto, ci mancherebbe", spiegano da Via della Scrofa.

Resta il nodo delle parole di Berlusconi. Che nel partito della premier in pectore derubricano e alle quali cercano di non dare troppo peso, considerando anche l'età avanzata e i noti problemi fisici che ha avuto in passato. E comunque per Fratelli d'Italia, anche sulla politica estera, "vale il programma elettorale con il quale ci siamo presentati alle elezioni. Nessun dubbio sull'appartenenza all'Occidente, all'Ue e alla Nato. Punto". Per quanto concerne la formazione dell'esecutivo, sempre in FdI, danno per "molto probabile" Carlo Nordio - come vuole Giorgia Meloni - alla Giustizia e Berlusconi dovrà accontentarsi di un'altra poltrona per l'ex presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, magari alle Riforme.

Sul fronte Lega, che deve ancora consegnare la sua rosa di nomi a Meloni, c'è il nodo Viminale. "Quasi impossibile" un ritorno di Matteo Salvini al ministero dell'Interno, che quasi certamente andrà alle Infrastrutture e sarà anche vicepremier insieme a Tajani. Per il Viminale, però, non c'è in corsa soltanto il prefetto di Roma Matteo Piantedosi ma anche figure politiche di primissimo piano della Lega. "Giulia Bongiorno e Nicola Molteni sarebbero ottimi nomi, vedremo", osservano sempre da FdI. Infine le Politiche agricole ormai perse dal Carroccio con l'elezione di Gian Marco Centinaio alla vice-presidenza del Senato.

Francesco Lollobrigida, capogruppo riconfermato di FdI alla Camera, preferirebbe continuare a occuparsi del partito e del gruppo alla Camera, ma, vista l'intenzione di dar vita a un governo "forte e autorevole", la sua presenza proprio all'Agricoltura potrebbe essere necessaria. Gli altri due nome per succedere a Stefano Patuanelli, sempre di FdI, sono quelli di Patrizio Giacomo La Pietra e Luca De Carlo (ma c'è il problema che sono entrambi senatori e, visti i numeri a Palazzo Madama, non ci può esagerare con i senatori al governo). In conclusione, da Fratelli d'Italia arriva un segnale chiarissimo: conta il programma votato dagli italiani, non le parole "rubate" a Berlusconi, anche se certamente non hanno fatto piacere e hanno sorpreso negativamente. Ma il governo, "forte e autorevole", si farà in tempi rapidi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
governo meloni berlusconi fdi putin ministri nomi





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.