A- A+
Politica
Luigi Di Maio fondatore e tesoriere. Salto quantico per il M5S
Foto: LaPresse

I Cinque Stelle si trovano davanti a quello che a ragione può essere definito un “salto quantico”, intendendo con questo termine a volte abusato, un cambiamento sostanziale della propria “forma - movimento”.

Si tratta di una rivoluzione che vede il fondatore Beppe Grillo restare solo garante mentre Luigi Di Maio insieme a Davide Casaleggio divengono fondatori e il ministro e anche tesoriere.

Segno questo che è un corso un “cambiamento di paradigma”, direbbe Thomas Kuhn, smentendo l’idea propalata ad arte che i Cinque Stelle non siano in grado di una organizzazione capillare.

L’organizzazione, finemente strutturata e sapientemente modulata, avrà nei rifermenti locali e soprattutto tematici nazionali il vero punto di forza.

Infatti solo con il contatto costante e diuturno con il territorio e le forze produttive e sociali può garantire un flusso vitale di proposte e spunti da tradurre poi in prassi di governo.

Nel nuovo organigramma è previsto anche un Comitato di Garanzia e il collegio dei probiviri.

Un atto necessario per gestire una fase estremamente complessa: dalle prossime regionali in Basilicata a, soprattutto, le elezioni europee che avranno inevitabilmente riflessi sul governo.

I Cinque Stelle possono recuperare consensi se riusciranno a strutturare la seconda fase del Movimento soprattutto sulla competenza e l’efficacia organizzativa, aprendo alla società civile, ai professori universitari, ai giovani (vedi il progetto startup al Mise).

Nel frattempo, Luigi Di Maio si gode la vittoria sulla Tav perché nonostante i titoli dei giornaloni è stata una vittoria dei M5S e ha fatto bene il vicepremier a non mollare con Salvini e vincere la partita.

Gli italiani hanno affidato un grande patrimonio in termini di eletti al Movimento ed è corretto far pesare anche i numeri quando è necessario.

Ora si tratta di riprendere il dialogo con la Lega per la tenuta del governo per portare a compimento le tante cose di cui l’Italia ha bisogno.

Di Maio sta rivelandosi sempre più uomo di governo, nonostante la giovane età e la sua immagine mostra sempre più quella “forza gentile” e non burrascosa che poi gli italiani amano.

 

 

Commenti
    Tags:
    luidi di maio tesorierecinque stellebeppe grillo
    Loading...
    in evidenza
    Messico 1970, la partita del secolo Quando l'Italia andò all'attacco e vinse

    Il rigoletto

    Messico 1970, la partita del secolo
    Quando l'Italia andò all'attacco e vinse

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo, temporali al centrosud: nel weekend torna il bel tempo

    Previsioni meteo, temporali al centrosud: nel weekend torna il bel tempo


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Cupra vira verso l’elettrico e lancia tre nuovi modelli ibridi

    Cupra vira verso l’elettrico e lancia tre nuovi modelli ibridi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.