A- A+
Politica
Mes arma di Meloni sui tavoli Ue: che cosa vuole ottenere. Derby con Salvini

Forza Italia sostiene la posizione del governo del rinvio anche se l'appartenenza del partito fondato da Silvio Berlusconi al Ppe mette in imbarazzo Antonio Tajani e gli azzurri

 

Una partita a scacchi, dove bisogna stare calmi e pensare molto bene alla prossima mossa. E' questa la chiave di lettura delle parole di ieri in Parlamento della premier Giorgia Meloni sul Mes ("Errore portarlo in Aula adesso") e nel giorno in cui inizia un delicatissimo Consiglio europeo nel quale la presidente del Consiglio intende dare battaglia su diversi fronti.

La leader di Fratelli d'Italia sa di avere in una mano un'arma molto potente, la ratifica del Fondo salva-Stati deve avvenire in tutti i Paesi dell'Unione (manca solo l'Italia) ed è quindi una sorta di merce di scambio che Meloni vuole utilizzare per giocare altre partite con la Commissione europea e con gli altri stati membri dell'Ue, Germania e Francia in testa. Prendere tempo, rinviare il tutto a settembre o probabilmente anche oltre (come aveva anticipato ad Affaritaliani.it qualche giorno fa Marco Osanto, presidente FdI della Commissione Finanze della Camera) serve alla premier per strappare qualche risultato su altri delicatissimi tavoli. In primo luogo c'è il fronte immigrazione con gli sbarchi che continuano e continueranno in estate e sul quale, al di là delle parole, dall'Europa ancora non ci sono passi in avanti concreti.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
europagovernomelonimes





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.