A- A+
Politica
Redditometro, Misiani (Pd): "Figuraccia, centrodestra in stato confusionale"
Misiani e Meloni

Redditometro, Misiani (Pd): "Figuraccia imbarazzante, centrodestra in stato confusionale"

Caos redditometro. Dopo neanche 24 ore dall’annuncio del nuovo redditometro, la premier Giorgia Meloni ha annunciato con un video sul suo profilo Instagram di averlo sospeso dopo un confronto col viceministro Leo. Ma quali sono i motivi dietro questa sospensione e dietro questo caos nella maggioranza? Affaritaliani.it ne ha parlato con Antonio Misiani, senatore del Pd ed ex viceministro dell’economia e delle finanze. "Un caso di autolesionismo più unico che raro". L'intervista.

Misiani: "Stato confusionale della destra in materia fiscale"

“Quello che è accaduto rappresenta una figuraccia imbarazzante per la maggioranza e per il governo che hanno scatenato una tempesta in un bicchier d’acqua con un autolesionismo più unico che raro”, ha commentato Antonio Misiani. Secondo il senatore questa confusione all’interno della maggioranza “è il sintomo dello stato confusionale della destra in materia fiscale e del fatto che sono prigionieri della loro propaganda”.

Dietro questa scelta, gli intenti del governo sono chiari. “La verità è che la lotta all’evasione non la vogliono fare nemmeno a parole”, ha aggiunto. “Qualunque cosa evochi un rafforzamento dei controlli suscita immediatamente l’orticaria delle forze della destra”.

La situazione complessa dei conti pubblici

Il senatore Misiani non è ottimista riguardo il futuro economico sotto il governo Meloni. “La telenovela del redditometro rappresenta l’antipasto di quello che ci aspetta in autunno”, ha commentato allarmato ad Affaritaliani.it. “La situazione dei conti pubblici è sempre più difficile e i nodi verranno presto al pettine”.

L’ex viceministro parla di quello che dovranno essere le prossime sfide che dovrà sostenere il governo di centrodestra. “Il governo deve trovare 20 miliardi solo per confermare le misure dell’ultima legge di bilancio dal taglio del cuneo fiscale al timido avvio della riforma Irpef”. Il risultato, secondo il senatore, sarà tragico. “Non sanno come farlo e senza un’azione incisiva di recupero dell’evasione questo corto circuito è destinato ad esplodere”, ha dichiarato.

Misiani: "Il vecchio redditometro, strumento residuale che non ha funzionato"

“I numeri pubblicati dal Sole 24 Ore dimostrano quanto in realtà il vecchio redditometro fosse residuale”, ha commentato Misiani. Il numero delle persone coinvolte infatti era veramente irrisorio. “Con poche centinaia di contribuenti interessati e un recupero di risorse risibile. È uno strumento che non ha funzionato”.

Quale sarebbe quindi uno strumento utile da applicare? “Il vero salto di qualità sarebbe un utilizzo incisivo delle banche dati già a disposizione dell’amministrazione, che permetterebbe un’azione mirata e non invasiva di contrasto dell’evasione e una vera semplificazione del rapporto tra lo Stato e i contribuenti”, ha commentato il senatore. Situazioni che però non interessano l’attuale governo secondo l’ex viceministro. “Le polemiche di questi giorni tutte interne alla maggioranza dimostrano che la destra non ha alcuna volontà di imboccare questa strada”.

Il "fallimento" della politica economica del governo Meloni

Misiani ritiene “un fallimento” la politica economica del governo Meloni di questo primo anno e mezzo. “L’economia italiana si sta fermando e il governo non ha la più pallida idea di come rilanciarla”, ha continuato.

Il senatore cita dei documenti ufficiali. “Lo dimostra l’ultimo documento di economia e finanza presentato dal governo. Un def vuoto, solo tendenziale che nulla dice sulle linee guida della prossima manovra di bilancio”. Il bilancio finale del primo anno e mezzo del governo di centrodestra è quindi da bocciare. “È l’evidente dimostrazione che il governo politico guidato dalla Meloni non ha una politica economica”, ha concluso.






in evidenza
Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor

L'accusa di tradimento è stata la mazzata finale

Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor


in vetrina
Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api

Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api


motori
La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.