A- A+
Politica
Sondaggio: giusto intervistare Lavrov, il 62,6% sta con Brindisi e Rete4
Sergey Lavrov

"In Italia c'è libertà di stampa: i giornalisti possono invitare chiunque"

Il 62,6% degli italiani approva la scelta di intervistare il ministro degli Esteri Lavrov sulla tv italiana. Filoputiniani? Non proprio, visto che il 52,6 condanna il contenuto delle dichiarazioni dell’esponente del Cremlino, ma è proprio la scelta editoriale di “Zona Bianca”, il programma di approfondimento di Rete4, che viene approvata. 

Nel sondaggio di Termometro Politico emerge infatti che per il 31% del campione "i giornalisti italiani devono avere il diritto di invitare chiunque a parlare nelle proprie trasmissioni", una presa di posizione che certamente farà piacere a Giuseppe Brindisi, travolto da polemiche che a giudizio di affaritaliani.it erano immotivate. E non solo per noi, a quanto si evince dai dati.

Leggi anche: Caso Lavrov a Zona Bianca, Brindisi: "Lo rifarei subito: è il mio mestiere"

Ancora superiore (31,6%) la quota di intervistati che ritiene giusto dare parola a Lavrov "perché quando abbiamo ospitato l'intervento di Zelensky in Parlamento, questi non ha avuto un contraddittorio”. Chi invece critica la scelta di Rete4 sostiene chi rappresenta un regime che nega la libertà di parola ed è responsabile di crimini di guerra non può fare un comizio sulla tv italiana (19,3%), mentre un ulteriore 16,2% avrebbe considerato legittima l'intervista solo se vi fosse stato contraddittorio, affermando quindi una critica nei confronti di Brindisi.

Il 52,6% è d’accordo con Draghi nel definire le parole di Lavrov "false, aberranti e oscene", anche se tra questi c'è chi consiglia il capo del governo di non usare espressioni così forti per non peggiorare il clima (18,6%). Contro le posizioni di Draghi si schiera il 44,1%. Tra questi un 20% pensa che Lavrov abbia detto le cose come stanno "al contrario di Draghi e dei leader occidentali" mentre il restante 24,1% bolla le parole del ministro russo "non diverse dalla propaganda fatta da leader italiani e occidentali".

 

unnamed
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un italiano su tre incolpa Usa, Nato e Ue. Bocciata anche l'Italia


Oltre un terzo degli italiani (37,6%) ritiene che il mancato accordo sulla pace in Ucraina sia responsabilità di Usa, Nato e Ue che "sperano che una guerra lunga indebolisca strategicamente la Russia". Il 34,2% dà invece la colpa a Putin, il 3,2% a Zelensky e infine il 22,8% a tutti gli attori in gioco.

La maggioranza degli intervistati ritiene che l'Italia, con le scelte fatte in questo conflitto, non stia facendo i propri interessi. Per il 33,7% stiamo infatti provocando una crisi economica che sta colpendo gli italiani mentre per il 28,3% siamo di fatto nelle condizioni di una colonia. Al contrario il 7,1% crede che una Russia più debole e meno pericolosa sia nel nostro interesse. A promuovere le scelte fatte dal governo è un ulteriore 27,2% secondo cui con le azioni intraprese stiamo rafforzando l'Unione Europea e l'alleanza con gli altri paesi occidentali.
 

Leggi anche: 

Elezioni 2023 rinviate causa guerra. Nuove conferme, dietro le quinte dicono..

Centrodestra, Sgarbi: "Salvini accetterà Meloni premier? Inevitabile"

Elezioni Usa, Biden già ko tra inflazione e crisi: così Trump si ricandida

La Russia annuncia: simulato lancio di missili nucleari tra Polonia e Lituania

Cairo ad Affaritaliani: "Non ho alcuna intenzione di vendere La7"

Sarah Viola: "Per i reati nati dal disagio mentale servono gli psichiatri"

Rissa Mughini-Sgarbi da Costanzo. VIDEO

Gruppo Hera: distribuiti ai territori oltre €2,2 miliardi nel 2021

AXA Italia - Rai, al via nuovo format di branded entertainment

Poste Italiane celebra 160 anni: da sempre al fianco del Paese

Commenti
    Tags:
    giuseppe brindisiguerra russia ucrainalavrovrete 4sondaggizona bianca





    in evidenza
    Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

    Carlo Conti a Sanremo

    Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

    
    in vetrina
    Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

    Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


    motori
    Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

    Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.