A- A+
Sport
Inter, Milan e Juve: i conti non tornano. L’Uefa prepara una nuova batosta

Inter, Milan, Juve e non solo: il nuovo settlement agreement

Ventisei squadre europee tornano sotto la lente d’ingrandimento dell’Uefa, che ha finto di chiudere un occhio per un paio d’anni ma che ora ha deciso di tornare a far sentire la sua voce, per consegnarsi definitivamente agli emiri che spendono e spandono senza ritegno. Inter, Milan, Juventus, Roma, Barcellona e tanti altri top club dovranno tornare a farsi dare una pagellina dall’Uefa sui loro conti, ovviamente in rosso, per il semplice fatto che non hanno un azionista di riferimento come un fondo sovrano di un Emirato e quindi devono continuare in regime di autofinanziamento. Si parla di revisione "light" per il triennio 

A nulla è valsa la dimostrazione di un trend positivo, di conti in evoluzione. Il Milan ha smesso di bruciare cassa e sta riducendo il rosso, con un modello virtuoso che l’ha portato a vincere lo scudetto; l’Inter ha dimezzato le perdite tagliando il costo del personale e cedendo due gioielli come Hakimi e Lukaku; la Juventus ha varato un maxi-aumento di capitale da 400 milioni (sottoscritto al 91%). Eppure alla Uefa non basta mai e vuole proseguire in un’opera folle di rigore che aumenta di volta in volta il divario tra le solite 4-5 squadre e il resto del panorama europeo. Una china pericolosissima.

Il salary cap

Il bello degli sport americani è che tutti ogni stagione possono provare ad ambire allo stesso risultato finale o, in alternativa, tentare di ricostruire partendo dai giovani. I cartellini non hanno un prezzo, ma i giocatori vengono scambiati tra loro e, salvo rarissime eccezioni, non possono opporsi a un trasferimento. Conseguenza è che il peso dei procuratori è minimo e non esiste neanche il grande tema delle commissioni. Nel 2019, ad esempio, il titolo Nba è stato vinto dai Toronto Raptors. In Europa il Real Madrid ha vinto cinque delle ultime nove edizioni della Champions League. E soprattutto c'è un salary cap, superato il quale le squadre pagano una tassa aggiuntiva, una vera e propria multa. 

Ma torniamo all’Uefa. Chiede nuove garanzie alle squadre come Inter, Milan o Juve, mentre fa finta di non capire come il Manchester City abbia potuto spendere oltre un miliardo di euro negli ultimi anni o come il Psg possa dare 300 milioni di premio alla firma a Mbappè, drogando definitivamente il mercato e alzando l’asticella a un livello che non è sostenibile per nessuno. Quindi, si chiede il pareggio di bilancio, la sostenibilità, l’attenzione alle squadre italiane, si lascia spendere e spandere gli sceicchi facendo un meccanismo semplice: i fondi, attraverso compagnie aeree che posseggono e altre società, siglano accordi di sponsorizzazione per le squadre da centinaia di milioni all’anno. Così il giochino non salta e sono tutti felici e contenti. Aridatece la Superlega

 

 

Leggi anche: 

Lega, anche i giorgettiani con Salvini. Esclusivo: nella chat dei deputati...

Lega, Borghi: "Da Goldman Sachs al Pd, Salvini è attaccato dai poteri forti"

"Salvini in Russia? Parliamo di cose serie...". Gelo di FdI. Esclusivo

Taiwan, giallo per l'audio sull'invasione. Il rischio di una guerra Cina-Usa

Università, allarme Italia: travolta dal nepotismo e docenti non laureati

Isola dei Famosi 2022: ecco quanto guadagnano i concorrenti

Premio Top Comunicator, Perrino sul giornalismo d'oggi cita Marchionne e Wittgenstein. VIDEO

TIM punta sulle smart city e acquisisce Mindicity

Trenitalia, presentata la Summer Experience 2022

Ita rifà il look, nuovi interni Made in Italy e divise firmate Cucinelli

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    uefa




    in evidenza
    Eleonora Riso trionfa a Masterchef 13: la cameriera "fuori dagli schemi"

    Chi è la vincitrice del cooking show di Sky

    Eleonora Riso trionfa a Masterchef 13: la cameriera "fuori dagli schemi"

    
    in vetrina
    Rose Villain rilancia dopo Sanremo 2024: da Click Boom! all'album Radio Sakura

    Rose Villain rilancia dopo Sanremo 2024: da Click Boom! all'album Radio Sakura


    motori
    Alfa Romeo celebra il primo 33 Stradale Day

    Alfa Romeo celebra il primo 33 Stradale Day

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.