A- A+
Cronache
Università, allarme Italia: travolta dal nepotismo e docenti non laureati

Università italiane, 191 indagati fra docenti e rettori che usano le cattedre per i propri "fini" 

Ancora una volta dobbiamo essere informati che ci sono problemi nelle Università italiane. Non basta avere non laureati diventati “docenti” che insegnano per anni in varie facoltà, è venuto alla luce un nepotismo non nascosto (favoreggiamento di parenti e amici da parte di persone autorevoli, particolarmente nella vita politica o nel settore pubblico dell'economia, al fine di far loro ottenere cariche o uffici) quasi fosse nella prassi ordinaria; sembra anche che vengono assunti in qualità di cattedratici, con bandi ad hoc, che non hanno “titoli”. Ora, abbiamo anche 191 indagati fra docenti e rettori che usano l’Università per i propri fini. La domanda è: perché usi l’università come se fosse tua?

Desidero ricordare che un professore ordinario guadagna tra i 27.000 e gli 80.000 euro l’anno (lo stipendio è pagato con i soldi dello Stato, cioè dai cittadini contribuenti). Dopo avere letto i due libri di Luca Palamara (già Magistrato, già componente del CSM e già presidente dell’A.N.M.) mi chiedo, se il tempo che hanno dedicato è al loro lavoro, oppure visto che ricevono un lauto stipendio, ne hanno approfittano o abusato per fare i loro “giochini”?

Nel nostro Governo abbiamo due persone che conoscono molto bene i meccanismi dell’università e sono: il Prof. Patrizio Bianchi Ministro dell’Istruzione (già Rettore Università di Ferrara 2004/2010); la Prof.ssa Maria Cristina Messa Ministro dell’Università e della Ricerca (già Rettrice 2013/2019).

Un’altra domanda legittima credo sia questa: per caso tutte queste “raccomandazioni” creano nocumento (danno che altera o interrompe la funzionalità o l'efficacia di un fatto naturale) alle persone escluse ed anche allo Stato? Quanti medici, infermieri e personale sanitario sono andati all’estero?

La fuga dei cervelli è da attribuire ai comportamenti “altezzosi” dei professoroni? E’ ammissibile, nel terzo millennio, non rispettare le capacità del singolo individuo? Perché nei simposi si parla tanto di meritocrazia e poi non la si applica? Perché formiamo laureati che portano il loro sapere, e sono poi anche “riconosciuti”, oltre confine?

In Italia abbiamo anche delle leggi che dovrebbero tutelare le persone dai “cattivi maestri” e cioè: dispositivo dell'art. 353 bis Codice Penale.

"Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque con violenza o minaccia, o con doni, promesse, collusioni o altri mezzi fraudolenti, turba il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando o di altro atto equipollente al fine di condizionare le modalità di scelta del contraente da parte della pubblica amministrazione è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni e con la multa da euro 103 a euro 1.032".

Sarebbe lecito, in presenza di una condanna definitiva, chiederne anche il licenziamento e l’interdizione dai pubblici uffici? Tutte le Istituzioni dello Stato non sono di proprietà di chi ci lavora o le amministra, anche temporaneamente, e se non si d’accordo esistono due strade: dimettersi; aprire una partita I.V.A.

Leggi anche: 

Monza in Serie A vale 400mila voti per Forza Italia. Berlusconi torna Re Mida

FI, Ronzulli-Fascina vs Gelmini-Carfagna: chi sta con chi. Mappa. Nomi

"Draghi resta premier dopo le prossime elezioni". La rivelazione di Cacciari

Renzi: "Il Mostro primo per vendite Ma sui giornali congiura del silenzio"

Guerra Ucraina, il risveglio di Germania e Giappone: corsa agli armamenti

Salvini e la Comunione della figlia Mirta, famiglia allargata presente - FOTO

Scoppia l'attrazione tra Massimo Giletti e Sofia Goggia, a cena insieme a Roma

Champions-Real, Ancelotti ringrazi de Laurentiis per averlo cacciato da Napoli

Il Pisa segna al novantesimo contro il Monza e Berlusconi dorme in tribuna

AXA Italia, in arrivo la terza rivoluzione sul modello di lavoro

CDP, consegnati 68 appartamenti realizzati in legno recuperato

Manageritalia offre una fotografia della Work Life Balance del Paese

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    università italiane
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

    Forti tensioni a Palazzo

    William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

    
    in vetrina
    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





    motori
    My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

    My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.