A- A+
Cronache
Poste, l’inflazione "colpisce" pacchi e raccomandate. Ecco tutti gli aumenti

Poste, l’inflazione gonfia i prezzi di pacchi e raccomandate

La mannaia dell’inflazione colpisce ogni sfera della vita economica e sociale. Dal prossimo lunedì, 24 luglio, infatti i servizi postali subiranno degli aumenti; è quanto ha stabilito l’Agcom lo scorso 27 giugno con una delibera che ha espresso parere favorevole ai rincari dei servizi di Poste Italiane, sia per i cittadini che per il target business verso aziende a Pubbliche amministrazioni.

Il via libera all’aumento sarebbe legittimato - a quanto riporta Money - dal “recupero dell’inflazione registrata nell’ultimo anno, al fine di perseguire la corrispondenza delle tariffe dei servizi universali con i sottostanti costi di produzione”.

Leggi anche: Pensioni minime, aumenti ma non per tutti: chi ci guadagna

La buona notizia è che, secondo le autorità, l’aumento dovrebbe essere piuttosto moderato, senza impattare “significativamente” su consumatori e imprese. Nello specifico, si tratta di un rialzo del 6,75% ma non è certo il primo “adeguamento” –  lo scorso ci fu ad agosto 2022 – e dato il quadro attuale, molto probabilmente non sarà neanche l’ultimo. 

Poste, prezzi dei servizi in aumento: ecco le nuove tariffe

L’aumento sostanziale riguarderà i servizi di spedizione, da quella ordinaria fino alla spedizione di pacchi: il servizio base - per l’invio di una posta ordinaria in Italia - passerà da 1,20 a 1,25 euro. Per la posta prioritaria invece il costo del francobollo passerà dagli attuali 2,80 a 2,90 euro.

Stesso destino per la raccomandata che aumenta in ogni formato e peso. Per quelle fino a 20 grammi il prezzo passerà da 5,60 a 5,80 euro mentre quella cosiddetta “Pro” – per il medesimo peso – da 3,70 a 3,97 euro.

Leggi anche: Vacanze, 6mila€ alla settimana per una famiglia: il mare diventa un lusso

Passando ai pacchi, l’invio ordinario di un pacco da 0 a 3 chilogrammi subirà un aumento di ben 50 centesimi passando dagli attuali 9,40 a 9,90 euro. Per chi deve spedire all’estero saliranno le tariffe per tutte le zone di destinazione. La zona 1, ad esempio, subità un aumento da 24 a 24,80 euro.

A partire dal 24 luglio infine, anche la tariffa del servizio accessorio contrassegno per spedizioni universali nazionali subirà un incremento. La tariffa complessiva con bollettino postale varierà da 2,27 a 3,00 euro; quella con vaglia varierà da 10,77 a 11,00.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
inflazionepacchiposteraccomandateservizi postali
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore





motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.