A- A+
Economia
La corsa alla Champions, per l'Atalanta "far fuori" la Roma vale oltre 5 mln
Gasperini (foto Lapresse)

Champions League, all'Atalanta conviene "far fuori" la Roma

Per l’Atalanta, eliminare la Roma dalla Champions vale fra i 5 e i 6 milioni di euro. In seguito alla vittoria di Gian Piero Gasperini in Europa League contro i tedeschi del Bayern Leverkusen, la qualificazione diretta dell'Atalanta alla Champions League ha messo in gioco un posto extra per l'Italia, a condizione che la Dea mantenga un piazzamento tra le prime cinque della Serie A.

Nel dettaglio, se l'Atalanta si classifica terza o quarta, non libererà un posto extra, e le prime cinque squadre della Serie A saranno qualificate per la Champions League, grazie allo slot aggiuntivo guadagnato dall'Italia tramite il ranking UEFA stagionale. Tuttavia, se l'Atalanta rimarrà al quinto posto, garantirà automaticamente la sesta posizione alla Roma in quanto le spetta di diritto la qualificazione al torneo dopo la vittoria dell’Europa League.

LEGGI ANCHE: Atalanta, 500mln di plusvalenze e società solida. Così la Dea domina in Europa

Ovviamente, oltre all’aspetto calcistico, anche i soldi in ballo fanno la loro parte. L'Atalanta ha infatti ancora la possibilità di raggiungere il terzo o il quarto posto in classifica, il che comporterebbe vantaggi finanziari non da poco. I ricavi televisivi della Serie A vengono assegnati in base alla posizione finale in classifica, con un aumento approssimativo di circa 2 milioni di euro per ogni posizione avanzata.

Come riporta Repubblica, entrando nei dettagli, parlando di denaro, una percentuale dei ricavi televisivi della Serie A (il totale è di 1 miliardo e 18 milioni di euro) viene assegnata in base al piazzamento dell’ultima stagione. L’anno scorso questa percentuale era del 15% (152 milioni da assegnare): il 12% in base alla classifica finale e il 3% in base ai punti conquistati. Con quella ripartizione, l’Atalanta quinta ha incassato 11,6 milioni. Il Milan, quarto, 13,4 milioni. L’Inter, terza, 15,6 milioni.

Quest’anno si chiude il ciclo triennale dei diritti tv e il monte complessivo è identico. Ma la ripartizione cambia leggermente, per effetto del decreto Abodi che ha modificato la legge Melandri e destinato una percentuale dei ricavi alla valorizzazione dei giovani: in realtà il cambiamento era stato deciso cinque anni fa ma mancava sempre un decreto di attuazione, arrivato tre mesi fra. Ora che è stato firmato, l’1,1% di quel miliardo (circa 11 milioni) verrà assegnato in base all’impiego di giovani (da under 18 a under 21).

Adesso il risultato del campionato vale leggermente meno: il 14%. L’11,2% in base al piazzamento in classifica, il 2,8% in base ai punti conquistati. Fra arrivare quinti e arrivare quarti la differenza stimata è di circa 1,8-1,9 milioni. Fra arrivare quinti o terzi è di circa 3,8 milioni. Ogni punto in più in classifica, quindi, vale circa 28 mila euro. Oltre al fatto che il risultato di questo campionato peserà poi sul ranking storico nella ripartizione futura dei diritti.

LEGGI ANCHE: Gasperini-Atalanta e Pioli-Napoli, panchine bollenti in serie A. Conte-Sarri..

L'eventuale qualificazione della Roma avrebbe anche un impatto sulla distribuzione dei premi della Champions League, con la possibilità che l'Atalanta veda una riduzione dei suoi guadagni se la Roma si qualifica. Tuttavia, anche se la Roma fosse in prima fascia, mentre l'Atalanta è in seconda, le prospettive della squadra di Gasperini non cambierebbero drasticamente poiché, a partire dal prossimo anno, ogni squadra affronterà due avversari da ognuna delle quattro fasce.

Tutto verte, dunque, sui risultati nelle ultime due giornate di campionato: Atalanta-Torino domenica 26 maggio e Atalanta-Fiorentina nel recupero del 2 giugno.






in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


motori
Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.