A- A+
Economia
Lockdown a Shanghai, da Tesla a Smic: i big tech riaprono le porte in Cina
(Fonte immagine: La Presse) 

Le autorità di Shanghai hanno autorizzato a riprendere la produzione, dopo il lockdown imposto dai nuovi contagi da Covid-19

Grandi imprese tecnologiche e industriali come il produttore di veicoli elettrici statunitense Tesla e il gigante cinese dei semiconduttori Smic figurano tra le 666 aziende che le autorità di Shanghai hanno autorizzato a riprendere la produzione, dopo il lockdown imposto dai nuovi contagi da Covid-19.

Secondo il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post, la Commissione di economia e tecnologia dell'informazione, responsabile dello sviluppo industriale nella megalopoli orientale, ha pubblicato la lista venerdì scorso, in cui spiccano aziende di settori chiave come i chip, l'energia e l'automobile.

Con questo sistema, spiega la pubblicazione, il governo locale sceglierà le imprese di diversi settori per la loro importanza strategica e le esenterà da alcune restrizioni in modo che possano riprendere le loro attività, fermate dai rigidi confinamenti dettati dalla fine di marzo nella città di fronte alla sua peggiore epidemia di Covid-19, causata dalla variante Omicron. 

Tuttavia, Shanghai richiederà alle aziende interessate di operare in un "circuito chiuso", con misure come il confinamento dei lavoratori nelle fabbriche per evitare che abbiano contatti con il mondo esterno e ridurre così il rischio di contagio tra i lavoratori. "Come facciamo uscire i nostri lavoratori confinati dalle loro case, come gestiamo la nostra logistica, come assicuriamo forniture stabili, come rispondiamo ai clienti sulla pianificazione degli ordini, come veniamo pagati? Tutti questi problemi presentano difficolta'", ha detto il capo di una società farmaceutica quotata in borsa al quotidiano economico locale Shanghai Securities News.

Inoltre, non avendo abbastanza spazio in fabbrica per ospitare tutti i loro lavoratori, alcune fabbriche dovranno ridurre la capacità. Ming-Chi Kuo, analista di TF International Securities, ha detto che la Gigafactory di Tesla - che l'anno scorso ha prodotto quasi la metà delle unità vendute a livello globale - dovrà ridurre le sue operazioni da due turni a uno, tagliando la sua produzione, che a febbraio aveva superato i 56.500 veicoli, a circa 25.000 o 30.000 unità. Secondo questo esperto, è improbabile che la casa automobilistica statunitense riprenda la normale capacità di produzione prima di metà maggio al più presto.

Leggi anche: 
Ucraina, la verità della CIA: non ci sono prove che la Russia usi il nucleare
Borghi (Lega): "Scostamento di bilancio da 20 miliardi entro fine maggio"
Giorgia Meloni leader piace anche a sinistra?
Ascolti tv: Milo Infante vola con Ore 14 e si pensa alla prima serata
Made in Sud, Clementino-Lorella Boccia. "Gli ruberei i tatuaggi.. lo la classe". L'intervista doppia
Mourinho depone fiori sotto il murales di Maradona a Napoli. VIDEO
Acqua Sant’Anna, inserita tra le top 500 aziende
NTT DATA, insieme a Pirelli per la mobilità sostenibile
SEA, 100% business class per il volo La Compagnie diretto a NY
Commenti
    Tags:
    cinalockdownshanghaitesla




    
    in evidenza
    Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

    L'annuncio a sorpresa

    Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


    motori
    La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

    La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.