A- A+
Economia
Olivetti vende i registratori a Buffetti. Ennesimo schiaffo a un'ex eccellenza

Olivetti cede il business dei registratori di cassa a Buffetti. La triste agonia di un'eccellenza italiana vilipesa e distrutta

Felix The Cat
 

C'è il linguaggio burocratico, freddo e asettico, che parla di "un ulteriore step del piano strategico che mira a focalizzare le attività del Gruppo sulle componenti 'core' per massimizzare i risultati operativi". E poi c'è il fatto in sé, cioè che Olivetti cede il business dei registratori di cassa a Buffetti. Una storia davvero triste perché mette forse definitivamente la parola fine su un'idea di impresa diversa, sostenibile non tanto dal punto di vista ambientale, ma soprattutto sociale. Era l'azienda di Adriano Olivetti, che teorizzava un rapporto decoroso tra gli stipendi dei top manager e quello degli operai.

Un imprenditore illuminato che seppe portare innovazione in una terra, Ivrea sulle rive della Dora, divenendo il principale datore di lavoro per la cittadina eporediese. Mancò poco che la Olivetti non diventasse il principale polo tecnologico al mondo, ma la cecità di chi ne prese il controllo dopo Adriano. Fu in particolare Carlo De Benedetti, alla fine degli anni '70, a diventarne padre padrone tarpandone le ali. Un episodio su tutti: Elserino Piol, scomparso ad aprile di quest'anno, propose all'ingegnere di rilevare il 20% di Apple per un milione di dollari. Per intenderci: oggi questa stessa quota varrebbe circa 560 miliardi.

Ma De Benedetti oppose il gran rifiuto dicendo "abbiamo cose più importanti a cui pensare". Ecco, appunto. Quali? Il business dei personal computer, in cui Olivetti era stata precursore, intuendo che dalle macchine da scrivere si sarebbe potuti arrivare rapidamente a quei nuovi "calcolatori" che si stavano prendendo la scena e che avevano già portato l'uomo sulla Luna, entrò in crisi alla fine degli anni '80. Tanti competitor, prezzi in picchiata, poche economie di scala: l'azienda di Ivrea andò in crisi e venne progressivamente smantellata.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
buffettiolivetti





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


motori
Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.