A- A+
Esteri
Elezioni Francia, ora Marine Le Pen può vincere. Perché Macron rischia il ko

Elezioni Francia, Le Pen lascia a Macron la geopolitica e si concentra su temi concreti

Combinazione perfetta per mantenere lo zoccolo duro del suo elettorato e conquistare i delusi di Macron al centro. Le Pen può permettersi di spostarsi verso il centro anche perché è certa che in ogni caso al secondo turno chi avrà votato per Zemmour al primo appuntamento con le urne passerà dalla sua parte. Per questo Le Pen ha tolto dai suoi discorsi ogni riferimento ai punti più controversi del suo programma, in particolare la proposta di un referendum sull’Immigrazione per cambiare la Costituzione francese.

Le Pen ha invece costruito la sua campagna elettorale su temi molto concreti. Un modo per allontanare le solite critiche di estremismo ma anche per farsi percepire come più vicina alla gente comune rispetto a un Macron che parla spesso di massimi sistemi ma quasi mai di cose quotidiane. Anche la contingenza, cioè la guerra in Ucraina e la presidenza di turno della Francia in Ue, ha spinto il presidente francese a concentrarsi sul grande disegno geopolitico. Tralasciando forse argomenti più a cuore dei francesi comuni.

Ed ecco che allora Le Pen si è concentrata sulla riduzione dell'Iva, con la proposta di portarla dal 20% al 5,5% su benzina, gas ed elettricità. Le Pen propone poi la nazionalizzazione delle autostrade e spinge per il rafforzamento del potere d'acquisto dei cittadini delle classi sociali meno elevati. Col solito contorno di "boost" alla sicurezza, tema mai scomparso dall'ondata di attentati cominciata nel 2013.

C'è poi anche un'altra contingenza che aiuta Le Pen, stavolta da sinistra. Jean-Luc Mélenchon, candidato della sinistra radicale della France Insoumise, sembra aver fagocitato l'elettorato di sinistra anche a causa di una debolezza ormai cronica dei socialisti (qui rappresentati dalla sindaca di Parigi, Anne Hidalgo) e i Verdi di Yannick Jadot. L'aiuto a Le Pen potrebbe arrivare dal fatto che Melenchon sembra parlare allo stesso elettorato.

Le Pen presenta Macron come simbolo del potere arrogante e se stessa come la candidata della porta accanto

Quantomeno, a persone arrabbiate per la presidenza Macron e con attenzione al tema del potere d'acquisto. Elettori che potrebbero intravedere continuità proprio con Le Pen, più che con Macron, in vista del secondo turno. Anche perché il leader della sinistra radicale ha costruito la sua campagna sugli attacchi contro Macron, suo bersaglio continuo. Nei suoi comizi, Melenchon si è sovente rivolto in modo dialogante agli elettori di estrema destra, definiti "arrabbiati ma non fascisti". Circa un terzo di chi voterà Melenchon domenica prossima, sarebbe pronto a votare Le Pen in caso di ballottaggio contro Macron.

I due estremi si toccano e si giustificano anche a livello ideologico, mentre l'algido Macron secondo alcuni rischia di restare schiacciato al centro e in alto, lontano dal sentire della gente comune. Le Pen insiste sul descrivere Macron come il simbolo di un potere arrogante, autoritario e distante dal popolo, citando il pass sanitario, la "repressione" delle proteste dei gilet gialli e la sua concentrazione costante sui "giochi geopolitici" globali. In contrasto, lei si fa vedere su video e foto social insieme ai gatti e spinge la sua immagine da candidata della porta accanto.

Basterà per arrivare a sedersi dal divano di casa alla poltrona dell'Eliseo? Una prima, parziale, risposta arriverà tra poco più di 72 ore.

Leggi anche: 

" Pil 2022 al 3,1%. Su Affaritaliani.it tutto il DEF del governo Draghi

Guerra, il soldato Letta filo-America non convince gli italiani

Vendita di armi esenti da Iva, M5s: "Interrogazione a Mef e Difesa"

Ius scholae legge entro l'estate. Cittadinanza prima dei 18 anni. E' giusto?

Perchè Netflix da inizio anno ha perso oltre il 35% del suo valore? I 4 motivi

Mattia Santori, dalle Sardine alla difesa delle oche: il web si scatena. VIDEO

Eni, Calvosa: "Siamo sempre proiettati al futuro"

JTI Italia, presentato il primo corso sulla transizione ecologica

Milano, inaugurato il primo negozio Primark in via Torino

Commenti
    Tags:
    elezioni francia 2022elezioni francia ultimi sondaggiemmanuel macronmarine le pen

    in evidenza
    Affari va in rete

    MediaTech

    Affari va in rete

    
    in vetrina
    Gallerie d'Italia, arriva la mostra antologica di Mario Schifano

    Gallerie d'Italia, arriva la mostra antologica di Mario Schifano



    motori
    Škoda svela Enyaq Coupé Respectline

    Škoda svela Enyaq Coupé Respectline

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.