A- A+
Esteri
Guerra in Ucraina combattuta dai social. E Biden corteggia i TikTok influencer
Mark Zuckerberg, ceo Facebook

Ucraina, la guerra combattuta non su ma dai social

Quella in Ucraina e' destinata a essere non solo la prima guerra documentata in tempo reale sui social, ma anche la prima combattuta dai social media. Il primo colpo lo ha sparato Twitter la sera del 10 marzo, quando ha eliminato un post dell'ambasciata russa a Londra che sosteneva la tesi secondo cui il bombardamento di un ospedale a Mariupol da parte delle forze di Mosca e' stata una messinscena.

Dopo 24 ore media, influencer e vari creatori di contenuti (e di fake news) russi si sono trovati tagliati fuori da praticamente qualunque social occidentale. Ma quelle intraprese da Twitter, Facebook, TikTok, YouTube e Instagram non sono solo di azioni 'passive'. Meta - che possiede Facebook e Instagram oltre alla app di messaggistica WhatsApp - ha deciso con una mossa senza precedenti di allentare i freni ai 'post di odio' contro le forze russe impegnate in Ucraina.

Un provvedimento "temporaneo e dovuto a circostanze straordinarie", ha spiegato il presidente per gli Affari globali di Meta, Nick Clegg, ma significativo per un'azienda che per aver chiuso troppe volte gli occhi di fronte all'hate speech sulle sue piattaforme e' persino finita sotto accusa di fronte al Congresso.

Mosca ha reagito limitando l'accesso a Instagram, accusando la piattaforma di diffondere appelli alla violenza e ha annunciato l'avvio di un'azione legale contro per classificare Meta come organizzazione "estremista". Poi e' arrivato il turno di YouTube che ha bloccato a livello mondiale i canali dei media russi finanziati dallo Stato perche' la politica dell'azienda e' di "vietare i conteniti che negano o banalizzano eventi di ben documentata violenza".

Nel suo saggio del 2003 "Davanti al dolore degli altri", la filosofa americana Susan Sontag indicava nella guerra civile spagnola l'origine del fotogiornalismo e in quella del Vietnam la prima a essere trasmessa quotidianamente in televisione. Dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina, i social network sono stati inondati di video da entrambe le parti. Cellulari alla mano, soldati e civili stanno documentando la guerra in tempo reale. I social media sono diventati parte del campo di battaglia. E, al momento, Kiev sta vincendo.

France 24 ne ha citati alcuni, come la ventenne fotografa ucraina Valeria Shashenok - famosa per i suoi video di viaggi, servizi di moda o serate con gli amici sul suo account TikTok - racconta ora la sua vita quotidiana sotto i bombardamenti nella citta' di Chernihiv, a circa 100 chilometri a nord di Kiev. Con un pizzico di umorismo nero descrive "una giornata normale in un rifugio antiaereo" o offre consigli su "cosa comprare in un supermercato in tempo di guerra" ai suoi 300.000 follower. 

Anche i soldati ucraini usano Instagram, TikTok e Twitter per raccontare le loro storie dal campo di battaglia. Con 4,3 milioni di follower, Alex Hook e' il piu' conosciuto. Dal Donbas pubblica regolarmente video di se stesso e dei suoi commilitoni che ballano al ritmo delle canzoni dei Nirvana o si preparano per la battaglia. L'esercito ucraino ha anche un proprio account Twitter che fornisce aggiornamenti orari sulla guerra a oltre 350.000 seguaci. Le forze armate del Paese mostrano immagini di combattimenti, ma anche di soldati russi fatti prigionieri, cosa vietata dalle Convenzioni di Ginevra. L'uso dei social network in guerra non e' nuovo.

Durante la primavera araba, le parti li hanno utilizzati per organizzare manifestazioni e influenzare l'opinione pubblica. La differenza oggi sta in un nuovo tipo di narrazione. Poiche' sempre piu' persone portano un telefono cellulare e documentano regolarmente le loro giornate su diverse piattaforme social, la guerra e' diventata un argomento come un altro. Alcuni influencer ucraini - un tempo piu' noti per i tutorial di bellezza che per le loro posizioni politiche - si sono trasformati in combattenti della resistenza, versione 2.0.

Ucraina, la Casa Bianca corteggia gli influencer di TikTok

La Casa Bianca corteggia gli influencer di TikTok, considerandoli un'arma nella battaglia a sostegno dell'Ucraina e per informare il pubblico. In un incontro su Zoom, la Casa Bianca ne ha convocati 30 - tutte star di TikTok con presenze significative anche su altri social - e ha raccontato loro la situazione in Ucraina ma anche come gli Stati Uniti vedono il conflitto. A informare le star dei social sono stati alcuni funzionari del Consiglio per la Sicurezza Nazionale e la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.
 

Leggi anche: 

" Carburanti: il prezzo che sale, il dubbio sugli "speculatori" e 3 domande..."

Assalti a supermercati, file per la benzina: psicosi. Carburanti su, denunce

Ucraina, Russia, guerra, ruolo Usa... Versione di Mosca (che nessuno riporta)

Russia, colpo di Stato. Chi e quando. Le voci che fanno tremare Putin)

Uno Mattina, Giorgino e Zucchini in pole dopo l'addio di Frittella

Guerra Ucraina, Bielorussia Siria con Mosca. Putin decapita i Servizi Segreti

Ucraina, i militari di Putin cadono in un'imboscata. Convogli distrutti. Video

Atlantia, stanziamento da 1 mln di euro per i profughi ucraini

Terna, con Comune di Roma e Regione Lazio per rinnovare rete elettrica romana

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucraina





    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    Free2move rilancia la gestione delle flotte commerciali

    Free2move rilancia la gestione delle flotte commerciali

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.