A- A+
Esteri
Guerra Ucraina-Russia: Ue, Usa e Nato si assumano le proprie responsabilità

Adesso che il male è fatto, quegli stessi artefici che hanno seminato zizzania, Stati Uniti, Unione Europea, NATO diano una mano alla pace

Una stupida -sì, stupida- e fetida aria di guerra spira in Europa. Dobbiamo esserne tutti coscienti e preoccupati. Domina la cultura dei muscoli: l’intelligente e ferrea volontà di pace seguita alle crudeltà del secondo conflitto mondiale appare, purtroppo, solo un ricordo.

Il mondo è sull’orlo di una terza guerra mondiale (e la quarta -come ammoniva cinquant’anni fa Albert Einstein- la si combatterà con i bastoni e le pietre) e ciò anche per le imprudenze dell’Europa che da nano politico (e strategico) senza una politica estera comune, ansima per divenire un gigante militare.

La corsa al riarmo della Germania (100 miliardi di euro stanziati dal nuovo Cancelliere socialdemocratico -e questo la dice lunga sulla non violenza della sinistra tedesca-) e l’accelerazione impartita dal Presidente francese Emmanuel Macron nella sua veste di Presidente di turno del Consiglio dell’Unione europea, alla creazione di un “esercito europeo” (con al centro -ovviamente- l’unica potenza nucleare europea; la Francia) ne sono prove provate.

L’Europa si sente drammaticamente forte! Senza considerare che, nella guerra, tutti siamo deboli (Mosca ne è esempio eloquente)!

C’è una sorta di corsa al pretesto. La ricerca di una scusa per estendere questo sporco palcoscenico di morte. Tutto sembra prepararci al peggio compresa l’enfasi irrazionale di un’annessione estemporanea dell’Ucraina alla EU (dopo un decennio di riflessione) e un dispiegamento esagerato di forze NATO a ridosso dell’Ucraina.

Persino la corsa alla distribuzione “umanitaria” di armi (ossimoro disumano) ad ucraini improvvisati guerriglieri, a gente buona arruolata (da una propaganda inumana) in una sporca guerra, oltre a seminare ancora più vittime civili, rischia di far deflagrare una tensione già alle stelle.

Non è questione di girarsi dall’altra parte -abilità di cui l’occidente è maestro- la questione è altra. A questa guerra non bisognava arrivare! E chi tenta di combatterla armando -di fatto- un nuovo, più ampio e devastante conflitto, ne condivide la responsabilità, la cecità, l’atrocità, la vergogna.

Questa guerra è nata da tante irresponsabilità.

Adesso che il male è fatto -perché la guerra è sempre un male per tutti: e di questo immenso dolore Vladimir Putin porterà il segno per tutto il resto della propria vita- quegli stessi artefici che hanno seminato zizzania: Stati Uniti, Unione Europea, NATO diano una mano alla pace, evitando nuove inutili, stupide esibizioni.

È il tempo di cambiare davvero aria!
 

Leggi anche: 

"Russia pronta a usare l'arma nucleare tattica. Europa e Nato nel mirino"

Armi alla Colombia, Mulé (Difesa): "Irrituale l'intervento di D'Alema"

Ucraina, "Terza Guerra Mondiale? A questo punto non si può escludere"

Russia-Nato, no-fly zone sull'Ucraina vuol dire Terza Guerra Mondiale

Inflazione, Vincenzo Visco: "Il governo? Può fare ben poco...”

Biden risponde a una contestatrice: "Tra i soldati morti c'è anche mio figlio"

Ucraina e marketing in tempo di guerra, Riccardo Pirrone: “No al peacewashing”

ENI gas e luce, GreenIT acquisisce progetti eolici per 110 MW

ASPI, accordo con organizzazioni sindacali per la sicurezza sul lavoro

Ita Airways dedica i nuovi aerei ai campioni dello sport italiano

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    La conduttrice vs Striscia la Notizia

    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    
    in vetrina
    Affari in Rete

    Affari in Rete


    motori
    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.